Achab: il backup è ancora più veloce e sicuro con BackupAssist 6.4

354

Due le principali novità: il supporto per dispositivi iScsi, che permette backup fino a due volte più veloci rispetto all’utilizzo di dispositivi tradizionali, e l’introduzione di RecoverAssist, un nuovo tool per il ripristino su hardware differente.

Achab ha annunciato il rilascio della versione 6.4 di BackupAssist, il software per il backup facile di Windows prodotto dall’australiana Cortex I.T. Labs.
BackupAssist 6.4 presenta importanti novità che lo rendono un prodotto eccezionalmente flessibile e in grado di risolvere le diverse esigenze in termini di sicurezza e di backup.

Una delle novità riguarda la disponibilità del supporto per il backup su dispositivi iScsi: il backup è fino a due volte più veloce rispetto a quello con i dispositivi tradizionali. Sono supportati anche backup per immagini, replica dei file e backup in formato Zip.
La seconda è RecoverAssist. Integrato perfettamente con BackupAssist, RecoverAssist permette il ripristino su hardware differente. Ora è possibile costruire il proprio tool di recovery inserendo i driver specifici per il proprio hardware. Veloci strumenti sempre disponibili permettono il recupero di precedenti “tentativi di ripristino” danneggiati.

Utilizzando la Restore console di Backup Assist il restore è più facile e veloce ed è possibile trovare file che in altro modo non si potrebbero trovare. La Restore console di BackupAssist consente di fare il restore di tutte le applicazioni oppure di scegliere specifiche applicazioni.

Tutti i dati sincronizzati con il protocollo vengono salvati criptandoli direttamente sul server remoto fornendo quindi la possibilità di salvare i dati in un altro luogo con la sicurezza che solo il proprietario potrà decriptarli con Backup Assist: questa funzionalità è fondamentale quando si utilizzano server RSync non direttamente gestiti.

Tutti i dati sono zippati ed è garantito l’utilizzo ottimale della banda e la minima occupazione di spazio storage sul server remoto.
Infine, è possible effettuare il backup e il restore delle macchine Hyper-V direttamente dal Nas, funzionalità non presente in Windows.

Silvia Viganò