La videoconferenza ad alta quota

351

Vidyo permette di creare il proprio “ufficio in volo”. La videoconferenza in HD è possibile anche tra le nuvole grazie alla collaborazione tra Vidyo ed Eclipse, società fornitrice di tecnologie per la comunicazione nei luoghi più remoti del mondo.

Nemmeno l’altitudine costituisce un ostacolo per la tecnologia Vidyo se si ha a disposizione una connessione Internet, come ormai avviene su tutti i migliori aerei. Immediatamente si può contare su un servizio di telepresenza in alta definizione con cui collegarsi con gli altri utenti provenienti da endpoint differenti.

Per i partecipanti non servono istallazioni o login difficoltosi, basta seguire un link per essere presenti e disporre di una “sala riunioni virtuale”. Usufruire dei servizi Vidyo anche ad alta quota è possibile con la tecnologia cloud su cui si basa la telepresenza Vidyo, che permette di gestire meeting e riunioni tra le nuvole, senza la necessità dell’hardware. La mancanza di un supporto fisico rende superflue le relative certificazioni della Aviation Safety Association e della Federal Aviation Administration e il rilevante costo ad esse associato. Le soluzioni Vidyo possono così essere a disposizione di differenti compagnie aeree per un servizio costante e ottimale alla propria business class.

«L’obiettivo della nostra offerta – ha spiegato Fabio Tessera, vice presidente Semea per Vidyo – è dare la possibilità di comunicare in videoconferenza in alta qualità ovunque sia presente una connessione Internet. La proposta deve ovviamente tenere presente le esigenze dei partner, come Eclipse, e quelle dei clienti per garantire costi contenuti e la possibilità di fornire un servizio ottimale anche nelle situazioni più complesse».

Eclipse ha integrato le soluzioni Vidyo con il suo pacchetto “Aereo + infrastruttura server” a terra e con i dispositivi portatili e gli smartphone in volo, mentre Vidyo ha fornito una piattaforma server flessibile a terra, integrata con un software rivolto al cliente adatto per gli aerei. Sono state implementate soluzioni infrastrutturali tra cui VidyoRouter, VidyoPortal e VidyoGatway.

A bordo del velivolo, sono disponibili VidyoMobile e il software client VidyoDesktop. A livello di infrastrutture, VidyoRouter fa uso della tecnologia H.264 Scalable Vidyo Coding e introduce la tecnologia Adaptive Video Layering nell’ambiente aeronautico. Attraverso questa architettura basata su software, i flussi video sono dinamicamente ottimizzati per ciascun endpoint in base alle condizioni della rete.

Il risultato è una piattaforma di videoconferenza dinamica e multi-point, con la possibilità di apportare modifiche in tempo reale alle variazioni di elaborazione dei punti di uscita, alle impostazioni di visualizzazione e alle prestazioni della rete. È ideale per la connettività tipica del sistema Sat.Com degli aerei.

L’architettura basata sul software Vidyo, la compatibilità con i propri hardware e la facilità di implementazione e di gestione che fornisce l’ambiente Web VidyoPortal, permette la flessibilità necessaria per ottimizzare i cicli di sviluppo e accelerare il tempo di inserimento sul mercato del nuovo servizio personalizzato. Con Vidyo, si eliminano i tempi e i costi per certificare, installare e supportare gli ambienti degli aeromobili, un vantaggio sempre più importante per la scalabilità dei servizi.

Le soluzioni Vidyo per l’aeronautica sono utilizzate all’interno dell’aviazione nazionale e internazionale, nel settore pubblico e privato e da enti governativi e militari.

 

Silvia Viganò