Avangate sfida la crisi economica

470

In un periodo di grande instabilità, il Vad della sicurezza IT si impegna a fornire nuove certezze al canale garantendo condizioni di pagamento dilazionate e confermando la politica del “valore”.

Avangate Italia – che nel 2012 ha registrato una crescita di fatturato superiore al 20 per cento grazie al prezioso lavoro svolto dagli oltre 6.000 rivenditori – oggi si schiera in prima linea per aiutare i partner a superare questa particolare congiuntura economica.

«Ci rendiamo conto di quanto questo periodo storico sia particolare per tutto il mercato ed è proprio in condizioni come queste che le giuste partnership possono fare la differenza – ha sottolineato Rendall Narciso, amministratore unico di Avangate Italia -. Avangate nel 2013 continua a investire nei servizi e nei vantaggi esclusivi riservati ai rivenditori partner, perché, oltre alla qualità, siamo certi che sia dalla fiducia che dovremo ripartire per costruire una nuova fase di successi, in un mercato necessariamente diverso da quello che conoscevamo».

Per prima cosa, il Vad rinnova la fiducia garantendo a ogni rivenditore condizioni di pagamento dilazionate, fin dal primo ordine, per aiutare ciascuno a sviluppare nuovo business senza dover anticipare i costi di gestione.

Un’altra conferma viene dalla politica degli sconti: se la crisi persuade i più a “vendere a ogni costo” concentrandosi sull’oggi e non sul domani, Avangate rimane coerente alla logica di “valore” che premia l’impegno, la costanza e le potenzialità del rivenditore oltre che il “volume” di acquisto.

Inoltre, Avangate continua, in collaborazione con alcuni Brand, a offrire ai rivenditori la protezione dei rinnovi attraverso una gestione condivisa delle comunicazioni e a messaggi personalizzati che invitano il cliente (anche attraverso il software stesso) a rivolgersi al proprio rivenditore.

L’esperienza e la solidità costruita in anni di lavoro al fianco del canale, permettono oggi ad Avangate di distinguersi, ancora una volta, per la qualità del proprio supporto e la lungimiranza della propria strategia.

 

Silvia Viganò