TP-Link, il Powerline con Schuko

529

TL-PA2010PKit ha una presa elettrica integrata, assicura un collegamento stabile a 200 Mbps su un impianto elettrico fino a 300 metri e dispone di una modalità automatica di risparmio energetico.

TP-Link ha presentato una soluzione Powerline compatta, performante e dotata di presa Schuko. Grazie alla presa elettrica integrata, il modello TL-PA2010PKit assicura il collegamento all’adattatore di un ulteriore dispositivo o anche di una presa multipla, come una normalissima presa a parete, in modo che gli utenti non debbano più preoccuparsi di interrompere la connessione a Internet per poter collegare alla presa elettrica altri dispositivi.

Con la tecnologia advanced HomePlug AV, il TL-PA2010PKit assicura un collegamento stabile a 200 Mbps su un impianto elettrico fino a 300 metri e dispone di una modalità automatica di risparmio energetico, capace di contenere il consumo di energia di quasi l’85 per cento.

È dotato, inoltre, di un filtro anti-disturbo integrato, in grado di migliorare le prestazioni della rete powerline. Questo avviene grazie alla soppressione di eventuali disturbi generati da altre apparecchiature elettroniche che, con il loro funzionamento, potrebbero creare interferenze. TV, decoder, gaming console, amplificatori e altri sistemi che hanno la possibilità di accedere a Internet solamente tramite cavo Lan potranno quindi essere integrati nella rete Internet, permettendo all’utente di fruire, condividere e scaricare materiale in alta definizione, effettuare streaming HD e giocare online senza rallentamenti.

Il sistema QoS integrato e la crittografia Aes rendono il TL-PA2010PKit flessibile e sicuro. Da segnalare, infine, la presenza del tasto di sincronizzazione – Pair – grazie al quale è possibile aggiungere alla rete un ulteriore dispositivo con estrema semplicità. Si tratta, infatti, di collegare l’adattatore alla presa di corrente, collegare il dispositivo attraverso il cavo Ethernet all’adattatore e, infine, premere il tasto di attivazione della crittografia.

 

Silvia Viganò