Panda protegge anche Linux

493

Cloud Office Protection 6.5 aumenta la sicurezza con il sistema di filtering Url e tecnologie anti-exploit e incrementa la produttività

Panda Security ha rilasciato la nuova versione di Cloud Office Protection, la 6.5, apportando significativi miglioramenti tecnologici. Tra le novità, il filtering degli Url, tecnologie anti-exploit per individuare e rimuovere i malware che sfruttano le vulnerabilità zero-day, la compatibilità con Exchange 2013 e con i sistemi Linux (Suse, RedHat, Debian e Ubuntu) e la possibilità di pianificare aggiornamenti e reportistica.

Panda Cloud Office Protection 6.5 incrementa produttività aggiungendo il controllo degli accessi a Internet all’edizione Advanced. Inoltre, la soluzione potenzia la sicurezza aziendale grazie alle capacità di rilevazione di malware e Url utilizzati per attacchi phishing prima che possano colpire i computer degli utenti. Grazie alle tecnologie cloud, la nuova release di Cloud Office Protection può essere gestita da remoto in qualsiasi momento e luogo.

«Il nostro obiettivo è quello di supportare le aziende a incrementare la produttività con una soluzione di monitoraggio e controllo dell’utilizzo di Internet, proteggendo gli utenti durante la navigazione e il download di contenuti – ha spiegato Manuel Santamaria, global product manager di Panda Security -. La nostra soluzione semplifica la gestione della sicurezza e aggiunge un livello di protezione da link pericolosi e tentativi di exploit che sfruttano le vulnerabilità di sistema».

Silvia Viganò