I risultati eccellenti di Lenovo

518

Nonostante un contesto macroeconomico difficile e in continua trasformazione del settore pc, la società ha registrato performance da record: è cresciuta più rapidamente rispetto a tutti i principali attori del mercato pc. La quota di mercato, i ricavi e la redditività sono saliti alle stelle

Lenovo ha annunciato i risultati finanziari del quarto trimestre e dell’intero anno fiscale, conclusosi il 31 marzo 2013. Nel quarto trimestre Lenovo ha registrato un fatturato record di 7,8 miliardi di dollari, in crescita del 4 per cento anno su anno. La società ha realizzato un utile ante imposte di 166 milioni di dollari, con un aumento del 63 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il margine lordo nel quarto trimestre fiscale ha raggiunto 963 milioni di dollari, con un incremento del 20 per cento anno su anno. L’utile operativo è stato di 169 milioni dollari, in crescita del 67 per cento anno su anno.

Nell’intero anno fiscale, l’utile lordo (prima delle tasse) ha raggiunto il record di 801 milioni di dollari; i profitti sono stati pari a 635 milioni di dollari. Risultati eccezionali anche per quanto riguarda il fatturato (34 miliardi di dollari) e le unità distribuite (52,4 milioni di pezzi). Le riserve nette di cassa al 31 marzo 2013 ammontavano a di 3,1 miliardi di dollari, mentre la quota di mercato raggiunta a livello mondiale ora è del 15,5 per cento.

Per quanto riguarda la regione Emea, guidata da Gianfranco Lanci, presidente e Svp del gruppo, nel quarto trimestre Lenovo ha rafforzato la sua posizione di numero 2 (raggiunta per la prima volta nel terzo trimestre fiscale), con una quota di mercato dell’11,8 per cento e un aumento di 3,2 punti percentuali per lo stesso periodo anno-su-anno (con un premio differenziale di +30 punti rispetto al segmento dei pc, che ha visto mediamente una decrescita del 19,5 per cento). Il fatturato del trimestre è stato di 1,8 miliardi di dollari, in crescita del 6 per cento anno su anno e pari al 24 per cento del fatturato globale di Lenovo. Anche il margine operativo in Emea, del 2,3 per cento, ha visto un aumento dell’1,4 per cento anno su anno.

A complemento dei risultati finanziari del quarto trimestre e sull’intero anno fiscale Mirko Poggi, amministratore delegato di Lenovo Italia ha dichiarato: «Anche in questo quarter abbiamo dato un nostro contributo più che positivo al fatturato registrato da Lenovo in Emea (Europa, Medio Oriente e Africa), e siamo – anche in Italia – in netta controtendenza rispetto al resto del mercato: secondo i dati di Idc, analista di mercato IT, siamo ormai tra i primi 5 produttori del nostro Paese, con un +121 per cento per lo stesso periodo anno su anno, in un settore mediamente in calo del -25 per cento. Il risultato ragguardevole si spiega, da un lato, con il nostro rinnovato e grosso impegno nel mercato “business” (quello che Idc definisce “Commercial”) e in particolare, ma non solo, quello nelle Pmi – che ci ha portato a essere oggi il numero 2 in questo segmento (scalando ben 5 posizioni nell’ultimo anno), con la nostra linea “Think” (ThinkPad, ThinkCentre, ThinkStation, ThinkServer) da sempre sinonimo di alta qualità e innovazione “utile”; dall’altro, con i primi ma significativi successi riscossi sul segmento consumer, dove in Italia siamo entrati meno di un anno fa».