Vidyo, al via al primo roadshow italiano

569

Milano, Padova e Roma le città in cui verranno presentanti gli incontri rivolti a Cio, IT executive, reseller e partner. La partecipazione agli incontri è gratuita, previa iscrizione

Vidyo, dopo gli importanti risultati ottenuti nel mercato internazionale tra cui una crescita di fatturato di +68% e l’aumento degli investitori, in attesa dell’imminente quotazione in Borsa, dà il via alla prima presentazione ufficiale in Italia. Tre gli incontri definiti per il primo roadshow Vidyo rivolto a Cio, IT executive, IT manager, reseller/partner: il 4 giugno a Milano, l’11 giugno a Padova e il 18 giugno a Roma.

L’agenda degli incontri il cui tema è “Visual communication: il nuovo volto dell’enterprise communication in HD su Internet” comprende gli interventi di diversi relatori che spiegheranno i vantaggi della telepresenza professionale multipoint in HD firmata Vidyo in ambito B2B. Case history, testimonianze e collegamenti diretti supporteranno la possibilità di toccare con mano e provare l’alta qualità delle soluzioni Vidyo con importanti brand, quali InJob e Delonghi, che hanno adottato con successo queste tecnologie.

«Oggi più che mai, dato il periodo difficile, ottimizzare tempi e costi è fondamentale. Vidyo permette nuovi modi di lavorare a distanza, anche tramite dispositivi mobili, senza perdere il contatto visivo che è così importante per avere comunicazioni più efficaci. Le nostre soluzioni sono attente alle evoluzioni nel modo di comunicare delle persone – ha spiegato Fabio Tessera, vice presidente Semea per Vidyo -. Cerchiamo di sviluppare la tecnologia Vidyo per andare oltre le possibilità offerte dalla telepresenza tradizionale, in modo tale da offrire servizi di videoconferenza di altissima qualità, ma anche in grado di tener conto dei budget delle aziende che la utilizzano e rispondere alle loro esigenze in evoluzione».

Durante il convegno saranno approfonditi in particolare alcune tematiche: come la videoconferenza sia andata al di là di una semplice sala riunioni e si rivolga anche a chi lavora con laptop, tablet e smartphone; come la videoconferenza renda più competitivi ed efficienti i dipendenti e i lavoratori da remoto; come utilizzare la videoconferenza in modo innovativo per favorire il miglioramento dei processi aziendali anche attraverso case study di aziende che già ne fanno uso; come il rapporto qualità/prezzo di un sistema di videoconferenza sia abbastanza convincente da portare a una diffusione massiccia del sistema.