Gestire il consumo energetico di Data Center con le PDU intelligenti

424

Sprecato il 90% della potenza consumata dai data center di grandi dimensioni

Un rapporto pubblicato dal New York Times a fine 2012 ha letteralmente sorpreso il settore IT. Il rapporto, intitolato “Potenza, Inquinamento e Internet” e basato su un sondaggio del quotidiano condotto per oltre un anno, indica che viene sprecato circa il 90% della potenza consumata dai data center di grandi dimensioni. Soltanto il 6%-12% della potenza è realmente necessaria per far funzionare i server.
I data center di tutto il mondo consumano circa 30 miliardi di watt di energia ogni anno, che è pari alla produzione di 30 centrali nucleari, ed un terzo di questa energia viene consumata solo da quelli statunitensi. Occorre comunque evidenziare che, mentre lo spreco di energia è grave negli Stati Uniti, l’attenzione per l’efficienza energetica dei data center è invece molto sentita in Asia, dove stanno cercando di misurare e quantificare preventivamente ogni esigenza di richiesta di alimentazione.
Il modello intelligente delle Power Distribution Unit (PDU) su rack è lo strumento più preciso per la misurazione della potenza consumata dalle apparecchiature informatiche. Situato all’interno di un singolo cabinet, il PDU su rack è l’ultimo dispositivo per la distribuzione di potenza alle attrezzature informatiche, costituendo il punto ideale per le misurazioni del consumo energetico e per gestire l’attivazione on/off da remoto.
A causa della crescita esponenziale del consumo energetico imposto dagli strumenti informatici contenuti nel rack (ad esempio i blade server), sono sempre più numerose le aziende che impostano i data center con un sistema di misurazione su soluzioni economiche, dato dalle IRP.
Per supportare adeguatamente il controllo da remoto, rispettando al tempo stesso lo standard TIA942 (che non consente la programmazione automatica On/Off a distanza) alcuni fornitori hanno previsto IRP dotati di switch da remoto per un numero di porte di caricamento senza interruttore.
Grazie a tale funzionalità, gli switch consentono una protezione proattiva: l’IRP rileva l’ultima porta dove viene attivato un server, e se viene evidenziato un sovraccarico di alimentazione grazie ad un’accurata misurazione, viene spento immediatamente quest’ultimo per proteggere da qualsiasi interruzione di corrente i server già in funzione.
La soluzione ATEN
ATEN, azienda taiwanese specializzata nella progettazione e produzione di soluzioni avanzate di connettività, dispone di soluzioni PDU della suite ALTUSEN Power Over the NET che riducono i costi di energia elettrica e garantiscono elevati livelli di disponibilità per tutte le server room, garantendo ai responsabili IT di poter gestire efficacemente i dispositivi collegati all’unità da qualsiasi luogo, via TCP/IP. In particolare, le soluzioni PN5 e PN7 di ATEN, che soddisfano le implementazioni server ad alta densità, sono un modello di efficienza e permettono di migliorare l’utilizzo dei server rack e il controllo del consumo di energia, ottimizzando l’efficienza dei server.
“I prodotti PN5 e PN7 sono soluzioni di classe Enterprise ideali per le aziende che hanno la necessità di ottimizzare i server e le infrastrutture IT – evidenzia Marc Salimans, Sales Director di Aten Europe – Sia che si tratti di un data center, una grande azienda o una PMI, le nostre soluzioni estremamente flessibili garantiranno il massimo rendimento energetico, riducendo i costi, aumentando l’efficienza e incrementando sensibilmente la produttività”.
Tra le ulteriori caratteristiche delle soluzioni PN5 e PN7, è da sottolineare la funzionalità di controllo flessibile dell’alimentazione e il software di spegnimento sicuro integrato, che permette ai responsabili di monitorare i server da remoto e di arrestarli completamente prima di spegnerli. Inoltre, il monitoraggio in tempo reale dell’alimentazione e dell’ambiente, associato a una soglia di allarme, permette al personale di essere costantemente informato sullo stato di funzionamento di tutti i dispositivi connessi, e i sensori di ambiente esterni consentono di controllare la temperatura e il livello di umidità da remoto. Le nuove soluzioni offrono anche la funzionalità di notifica degli allarmi, inviando tramite server SMTP o SMS messaggi di avviso riguardanti gli allarmi attivi utilizzando la porta Digital Output. In questo modo, i responsabili delle server room possono impostare soglie personalizzate per l’elettricità, la tensione, il consumo energetico, l’umidità e la temperatura.

Di rilievo anche il supporto daisy chain e gruppi di prese, che assicura una gestione ridondante dell’alimentazione. Gli apparati con doppio alimentatore possono infatti essere assegnati a gruppi di prese per un controllo più efficace. Infine, la gestione centralizzata grazie all’utilizzo del software di gestione ALTUSEN CC (Control Center Over the NET), garantisce ai responsabili IT il vantaggio del controllo centralizzato per la gamma di prodotti Power Over the NET e KN4140v KVM Over the NET da una interfaccia utente unificata.
Le serie ATEN PN5 e PN7 includono diverse configurazioni: PN5212, PN5320, PN7212 e PN7320.