Innovazione dall’Europa al Far East: il caso Calzedonia

1015

L’azienda estende l’utilizzo di IUNGO, la piattaforma web per la gestione della supply chain. Tra gli obiettivi centrati: la drastica riduzione del Time to market e l’incremento del dialogo con i fornitori asiatici

Calzedonia ha esteso ai fornitori del Sud-Est asiatico l’utilizzo di IUNGO, la piattaforma web per la gestione della supply chain. L’espansione di una tecnologia il cui uso era ormai già consolidato nell’area europea dell’azienda ha portato al conseguimento di nuovi e importanti vantaggi strategici.

Ma vediamo prima cosa è Calzedonia. L’azienda veronese nasce nel 1986 e successivamente dà origine a marchi come Tezenis, Intimissimi e Falconieri. Oggi la rete Calzedonia vanta più di 3.300 negozi divisi equamente sul territorio nazionale e internazione, con più di 23.000 dipendenti, di cui circa 3.000 in Italia. Il fatturato consolidato ha raggiunto i 1.503 milioni di euro per l’anno 2012, con una crescita che si attesta intorno al 16% rispetto al 2011.

calzedonia2

Calzedonia si trova a dover operare in un mercato in forte trasformazione. Il comparto moda ha infatti subito grandi cambiamenti nel corso degli ultimi anni imponendo alle aziende una maggiore flessibilità e prontezza di risposta: in particolare, si è assistito a una forte accellerazione del time to market e il mercato chiede riassortimenti e nuovi modelli a ciclo continuo, cosa che ha imposto una riorganizzazione della produzione e una programmazione della stessa.

La competitivà è diventata legata a doppio filo con la velocità di risposta sul mercato: poter contare su una supply chain veloce, agile e integrata sembra essere la condizione per garantire la flessibilità e la capacità di soddisfare le istanze richieste dal settore.
E’ per far fronte a queste esigenze che Calzedonia ha deciso di estendere l’utilizzo di IUNGO, già attivo con i fornitori europei, anche a quelli asiatici.

Implementato nel 2008, IUNGO, la piattaforma web che, grazie allo scambio delle informazioni tramite messaggi brevettati di posta elettronica, automatizza la gestione degli approvvigionamenti, ha permesso di gestire le relazioni con i fornitori europei che rappresentano circa il 60% della supply chain di Calzedonia.
“Con IUNGO le relazioni con i fornitori europei sono migliorate notevolmente. E’ stato possibile ridurre i tempi per la processazione degli ordini ed ottenere risposte più veloci ed attendibili. Volevamo conseguire gli stessi benefici anche con la catena fornitori in Asia – spiega la Dott.ssa Michela Mariotto, parte dell’ufficio Logistica Acquisti Materie Prime di Calzedonia – . IUNGO ci ha agevolati nel velocizzare e semplificare la comunicazione con il fornitore”.

Tramite IUNGO, il fornitore conferma la data di consegna delle righe d’ordine; ciò permette la programmazione della produzione grazie al collegamento tra IUNGO e il gestionale aziendale, di conseguenza l’azienda è in grado di conoscere esattamente quando la merce entrerà in produzione e, successivamente, raggiungerà i punti vendita.

L’arma vincente del progetto IUNGO in Calzedonia per l’area Far East è l’emissione dell’ordine previsionale. Oltre ai classici ordini (Purchase Order – PO) IUNGO permette alla Logistica Acquisti Italia di emettere un ordine previsionale che arriva sia all’ufficio acquisti in Sri-Lanka sia al fornitore di materie prime asiatico; questi sono ordini indicativi dei quantitativi e delle data di consegna. Il PPO (Proforma Purchase Order) ha il vantaggio strategico di “prenotare” le capacità del fornitore.
“In questo modo – continua la Dott.ssa Mariotto – il nostro fornitore è pre-allertato e contemporaneamente l’ufficio acquisti in Sri Lanka svolge una funzione di doppio controllo: sia su eventuali giacenze di magazzino, sia sulla reale tempistica di produzione. Una volta appurati questi dati emette l’ordine ufficiale”.

Settimanalmente i fornitori ricevono un piano di consegna (che possono comunque richiedere in qualsiasi momento) attraverso il quale il fornitore è in grado di verificare e confermare le date di consegna. Il delivery plan consente a Calzedonia di ri-programmare tutta la produzione e avere sempre aggiornato il piano delle consegne della merce nei vari punti vendita.
Oltre al dialogo, IUNGO permette la valutazione dei fornitori grazie agli indicatori di affidabilità, puntualità e flessibilità.