Brocade annuncia il nuovo CIO

474

Ari Bose avrà la responsabilità di standardizzare il sistema IT interno per supportare la collaborazione interfunzionale e la gestione della sicurezza delle informazioni e dei rischi

Ari Bose è il nuovo Chief Information Officer (CIO) di Brocade.
Nel nuovo ruolo avrà la responsabilità di guidare la trasformazione strategica dell’intera azienda, riportando direttamente a Gale England, Vice President of Customer Advocacy e Operational Effectiveness.
In particolare, Bose farà leva sull’intero portafoglio di soluzioni di data center networking di Brocade e dei partner ricoprendo un ruolo IT che guidi l’azienda, continuando il suo progresso e rendendola un punto di riferimento per il settore. Più in dettaglio, Bose avrà la responsabilità di standardizzare il sistema IT interno per supportare la collaborazione interfunzionale e la gestione della sicurezza delle informazioni e dei rischi. Una delle principali iniziative sarà di continuare l’espansione della strategia di virtualizzazione focalizzata sulla rete, in cui Brocade opera al momento con oltre il 70% di carichi di lavoro virtuali.

Con oltre 30 anni di esperienza nel settore high tech, Bose ha ricoperto numerose posizioni di CIO in aziende di networking e IT. Di recente, è stato Senior Vice President e CIO di Polycom, dove ha guidato la trasformazione dell’intera organizzazione IT ed è stato responsabile anche della rete interna di comunicazione visiva. In precedenza, è stato Senior Vice President e CIO di UTStarcom e ha avuto ruoli di seniority in aziende come 3Com, Bay Networks e Apple.

“È corretto ammettere che il mercato del networking stia cambiando a una velocità esponenziale, soprattutto per le richieste degli utenti e le pressioni fiscali – spiega Bose – . Brocade possiede quasi 20 anni di esperienza nella guida dell’innovazione del data center e sono orgoglioso di entrare a far parte di questa azienda. Sono entusiasta di come il data center del futuro possa guidare la trasformazione del business. Assistendo alla nostra adozione di fabric e architetture altamente virtualizzate sono fiducioso che altre aziende capiranno come Brocade possa permettere un cambiamento anche all’interno dei loro ambienti.”