Forward! di Unisys: avanti a tutta sicurezza e a tutto risparmio

338

Questa innovativa architettura fabric-based permette ai CIO di ridurre i costi di gestione fino al 40%

La nuova piattaforma informatica Forward! di Unisys Corporation è una soluzione innovativa fabric-based che offre elevati livelli di sicurezza, disponibilità, scalabilità e prestazioni di elaborazione predicibili per carichi di lavoro mission-critical che girano su server a base Intel.

Forward! combina la tecnologia avanzata di partizionamento sicuro (s-Par) con i processori della famiglia Intel Xeon e con tecnologie di virtualizzazione in un’architettura fabric potente, sicura e altamente flessibile, in grado di rispondere alle più impegnative sfide di elaborazione mission-critical su una piattaforma standard per le aziende.
Disponibile dall’inizio di dicembre, la piattaforma Forward! di Unisys è ideale per le organizzazioni che vogliono migrare ad ambienti operativi aperti Linux e Windows dagli ambienti di proprietà Unix; far girare cloud sicuri e grossi carichi di dati; migliorare le prestazioni delle applicazioni ERP quali SAP e trattare la proliferazione di server consolidando le risorse dei data center.

Per aiutare le organizzazioni a sfruttare al meglio la piattaforma Forward!, Unisys offre anche servizi estesi di consulenza che comprendono pianificazione, progettazione e implementazione, assieme a servizi per usi specifici: migrazione delle applicazioni da Unix a Linux, applicazioni SAP e migrazione di piattaforma e consolidamento di data center.
Unisys calcola che, rispetto ai concorrenti sistemi Unix, la piattaforma Forward! possa tagliare le spese d’investimento tra il 50 e il 60 percento e ridurre i costi di proprietà fino al 40 percento, e, rispetto agli ambienti fisici Linux e Windows, una piattaforma Forward! partizionata può eliminare fino al 70 percento dei server fisici e ridurre i costi di licenze software e di manutenzione dell’hardware fino al 70 percento. La piattaforma Forward! di Unisys aumenta inoltre la velocità organizzativa tagliando da settimane a ore i tempi di approvvigionamento dei server per i carichi di lavoro mission critical.