AO Vimercate: un’innovazione da premio

454

L’Azienda Ospedaliera vince il riconoscimento Innovazione ICT di SMAU 2013 nella categoria Infrastrutture IT grazie alla sua collaborazione con NetApp

L’Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate ha vinto il 1°premio Innovazione ICT di SMAU 2013 nella categoria Infrastrutture IT grazie ad un progetto pensato e svolto in collaborazione con NetApp.
Il premio è il riconoscimento del lavoro svolto dall’Azienda Ospedaliera verso una completa dematerializzazione dei documenti clinici che ha portato a digitalizzare tutti i referti, le immagini radiologiche e l’intera cartella clinica del paziente, migliorando in questo modo la gestione e la consultazione dei dati e delle informazioni utili al personale ospedaliero per fornire con prontezza ed efficienza cure e servizi di qualità.
“Siamo lieti del riconoscimento da parte di SMAU al progetto di dematerializzazione dei documenti clinici che abbiamo realizzato presso la nostra struttura che ha portato una reale innovazione permettendoci di ridurre non solo i costi di gestione ma anche di fornire migliori servizi ai pazienti” ha dichiarato Giovanni Delgrossi, direttore dei Sistemi Informativi della struttura sanitaria.

Bruna Bottesi, Amministratore Delegato di NetApp Italia, rincara la dose e afferma “Il progetto realizzato dall’Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate, basato su soluzione storage di NetApp, è un esempio virtuoso di come anche le strutture pubbliche possono con un utilizzo strategico delle tecnologie informatiche creare valore al proprio interno, non solo soddisfacendo i requisiti di spending review a cui le strutture sanitarie sono sempre più sottoposte, ma anche guadagnando in efficienza e produttività”.

In particolare, grazie alla progettualità realizzata insieme al partner VEM sistemi, l’Azienda Ospedaliera ha realizzato due Data Center “gemelli” situati nel presidio ospedaliero principale, quello di Vimercate, in due strutture fisiche distinte collegate in fibra ottica che ospitano circa 30 server fisici per un totale sempre di 300 macchine virtuali ed un sistema di archiviazione dati con replica sincrona tra le due sale “gemelle”. Il nuovo sistema di archiviazione, basato su tecnologia NetApp, garantisce la piena continuità operativa anche a fronte di indisponibilità parziale o totale di una delle due sale “gemelle”. Inoltre, una SAN aggiuntiva, dedicata alle copie di sicurezza e dislocata fisicamente presso un differente presidio ospedaliero, garantisce il back up in tempo reale dei dati. L’adozione degli innovativi sistemi di archiviazione NetApp ha consentito l’implementazione di nuove tecnologie quali la deduplica e compressione dei dati oltre alla implementazione di nuovi protocolli per l’accesso ai dati.

La nuova infrastruttura hardware e software ha consentito una maggiore flessibilità nella gestione delle risorse informatiche e una maggiore affidabilità dei sistemi al fine di garantire il massimo livello possibile di continuità operativa. La riduzione del numero di server fisici e la scalabilità dell’infrastruttura hanno permesso un risparmio dei costi legati alla manutenzione e agli investimenti in nuovo hardware. La nuova infrastruttura IT virtuale permette all’Azienda Ospedaliera un maggior livello di sicurezza informatica e fisica, anche nel caso di indisponibilità parziale o totale di uno dei due Data Center, a garanzia della continuità operativa dei processi interni e dell’erogazione dei servizi ICT ai propri utenti. La nuova struttura IT virtuale permette di supportare la complessa attività dell’azienda ospedaliera che, essendo ormai interamente digitalizzata, necessità di un livello di servizio 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per 365 giorni all’anno senza interruzioni che potrebbero avere ripercussioni negative sui pazienti stessi o rappresentare disservizi per i cittadini.

La nuova architettura, che realizza di fatto una effettiva soluzione di Business Continuity con Disaster Recovery finalizzata alla disponibilità, protezione e salvaguardia dei dati, consente oggi ai medici ed infermieri dell’Azienda Ospedaliera di usufruire di un livello di servizio adeguato alla attuale diffusione dei servizi di digitalizzazione della documentazione clinica.
La stessa infrastruttura permette all’Azienda di programmare con serenità l’evoluzione ulteriore dei propri servizi informativi e consente, già oggi, di offrire servizi applicativi ad altre Aziende Ospedaliere in ottica di “Cloud privato interaziandale”.