Fiore presenta Hikvision

613

L’azienda distribuirà sul mercato italiano le telecamere della società cinese che rappresentano la nuova frontiera dell’alta definzione in analogico per la videosorveglianza

Fiore, azienda attiva nella distribuzione di prodotti di cablaggio, networking ed IP telephony, presenta in Italia le nuove telecamere WD1 a 700TVL di Hikvision, che rappresentano una testimonianza del fatto che i sistemi analogici offrono ancora soluzioni degne di interesse che li rendono tutt’altro che superati.
I dispositivi presentano il nuovo standard 960H per l’alta definizione in analogico e hanno un formato 16/9  dalle elevate performance.

videocamere_Hikvision

I sistemi analogici ad alta definizione hanno vissuto una progressiva evoluzione nel passaggio da 540TVL a 600TVL, e successivamente da 600TVL a 650TVL, arrivando fino alle attuali 700TVL, che sono apprezzabili nel caso in cui la telecamera venga connessa direttamente all’ingresso video composito di un monitor.

Quando, invece, si parla in termini di registrazione, non tutti i registratori sono in grado di memorizzare le 700 linee generate dalla telecamera. I dvr analogici Hikvision con tecnologia WD1 hanno invece la capacità di memorizzare le 700TVL interamente, rispettando la reale dimensione dell’immagine generata dal sensore, senza alcuna riduzione di risoluzione. Le immagini vengono registrate a 960×576 pixel e possono essere campionate fino a frame rate Real Time.