Formazione per stampatori e tipografi: ci pensa Ricoh

362

La filiale italiana della società, insieme a CNA Firenze, Associazione di rappresentanza dell’artigianato e della piccola e media impresa della Provincia toscana, organizza due eventi dedicati alle opportunità del Web-to-Print e alla valorizzazione del supporto cartaceo

Stampatori e tipografi sono nel mirino di Ricoh Italia e CNA Firenze, che organizzano due momenti formativi per insegnare loro come riuscire a sviluppare comunicazioni multicanale personalizzate e applicazioni di stampa innovative.
Il primo incontro, a cui hanno partecipato oltre 20 aziende, si è focalizzato sul Web-to-print.

Il secondo workshop, invece, a cura del consulente e formatore Emanuele Posenato, si svolgerà sabato 7 dicembre e sarà incentrato sulle opportunità per le aziende grafiche che vogliono innovare l’offerta all’insegna della multicanalità. Tra gli argomenti inclusi nel programma: l’evoluzione dei servizi proposti dagli stampatori, come cambia la fruizione dello stampato, l’integrazione della stampa con le comunicazioni on-line e come proporre ai clienti la multicanalità continuando però a vendere carta stampata.

Questi eventi sono l’occasione per presentare il servizio Coach to Print di Ricoh che consente ai print service provider di migliorare i flussi produttivi.
“Il nostro obiettivo – spiega Giorgio Bavuso, direttore Production Printing di Ricoh Italia – è fornire agli stampatori servizi professionali affinché riescano a migliorare la produzione e a sviluppare la propria offerta andando oltre la stampa. Con Coach to Print mettiamo a disposizione un servizio di consulenza in cui i nostri specialisti analizzano i flussi di lavoro del cliente, le modalità operative e gli strumenti utilizzati. Sulla base di quanto emerso durante l’analisi Ricoh propone delle azioni per migliorare la produttività e l’efficienza della produzione. Grazie a questi servizi e all’offerta tecnologica proposta Ricoh consente agli stampatori di sviluppare un’offerta a valore aggiunto che risponde alle esigenze di personalizzazione e di integrazione tra stampa e strumenti di marketing espresse dal mercato”.