Top Consult per le piccole e medie imprese

365

L’azienda lancia una serie di nuovi pacchetti applicativi TopMedia Social NED che sono pronti all’uso, sfruttano funzionalità social e sono disponibili su cloud. Saranno commercializzati da una rete certificata di Partner Cloud

Nuovi pacchetti applicativi TopMedia Social NED per piccole e medie imprese: è questa l’ultima novità di Top Consult, società specializzata nella gestione elettronica dei documenti e nella conservazione sostitutiva degli stessi a norma di legge.
I pacchetti sono progettati per consentire alle PMI di realizzare velocemente e a costi contenuti soluzioni di gestione dei documenti in ingresso e in uscita e di conservazione sostitutiva a norma di legge, relativamente a specifici settori aziendali, come ad esempio la Contabilità, il Personale, la Fatturazione Elettronica o la Corrispondenza e con un numero illimitato di utenti contemporaneamente connessi.

I pacchetti applicativi sono basati sulla nuova piattaforma documentale TopMedia Social NED, presentata lo scorso ottobre da Top Consult, una piattaforma enterprise dall’architettura potente e scalabile, caratterizzata da un’interfaccia utente intuitiva con funzionalità social, che è stata accolta più che positivamente dal mercato. In particolare, la piattaforma offre nuove soluzioni per la collaborazione aziendale basate su strumenti innovativi modellati sui social network e sull’alternativa all’email. Gli utenti dei Pacchetti Applicativi TopMedia Social NED possono così sfruttare le funzioni “social” più adatte al loro modo di lavorare e all’attività svolta. Il tutto è pensato non solo per gli utenti professionali che stanno in ufficio, ma anche per manager e mobile worker.

Inoltre, sono disponibili tutte le funzionalità di Groupware appositamente progettate per i Gruppi di Lavoro anche eterogenei, che hanno la necessità di condividere idee e contenuti in un’area comune: queste soluzioni innovative creano un Social Network Aziendale, sicuro e protetto, accessibile da tutti i client, dove si comunica non tramite email ma tramite notifiche.
“La realizzazione dei Pacchetti Applicativi per PMI – afferma Pier Luigi Zaffagnini, amministratore Top Consult – ha costituito per noi un rilevante impegno e investimento per condensarvi oltre 25 anni di esperienza tecnologica e applicativa a fianco delle aziende clienti. Gli utenti dei pacchetti possono così beneficiare delle idee, del know-how e delle soluzioni reali realizzate per le esigenze delle grandi aziende, ma con avviamento in tempi brevi e costi certi e limitati. Adesso abbiamo aggiunto ai pacchetti tutte le funzionalità social e collaborative della nuova piattaforma enterprise TopMedia Social NED e soprattutto la possibilità di usare i pacchetti anche su Cloud”.

A questo scopo Top Consult sta costituendo a livello nazionale una nuova rete di Partner Cloud, specializzati e certificati, per la commercializzazione e il supporto dei Pacchetti Applicativi TopMedia Social NED. A chi diventa suo partner, l’azienda offre il “Cloud Partner Program”, un ampio pacchetto di risorse e servizi, tra cui formazione tecnica, commerciale e applicativa, supporto diretto alle vendite, strumenti di marketing.

I Pacchetti Applicativi TopMedia Social NED sono pronti all’uso e i metadati di archiviazione e di ricerca previsti sono quelli che normalmente vengono utilizzati per una gestione ottimale, ma anche quelli obbligatori per la conservazione sostitutiva e per il documento digitale a norma di legge.
I pacchetti sono inoltre personalizzabili sulle esigenze specifiche dell’azienda. Una volta a regime, come naturale evoluzione della soluzione realizzata, l’impresa potrà estendere la gestione dei documenti ad altri settori aziendali con gli altri Pacchetti Applicativi TopMedia Social NED. Oppure potrà utilizzare il software enterprise TopMedia Social NED, realizzando in autonomia soluzioni personalizzate a livello aziendale o affidandone la realizzazione a Top Consult o ai suoi Partner certificati: in questo caso dai costi del software verrà detratto l’intero costo dei pacchetti già utilizzati, salvaguardando così il concetto di pay per use.