Pensa, prima di stampare

547

La riduzione dei consumi energetici è ancora una sfida per buona parte delle aziende. Una soluzione? Esiste se si adotta un approccio sensato basato sull’adozione di sistemi di gestione delle stampe adeguate associato all’utilizzo di dispositivi ecocompatibili

[section_title title=La riduzione dei consumi energetici: una sfida per le aziende]
In un’epoca in cui viene costantemente richiesto alle aziende di adempiere agli obblighi non solo legislativi, ma anche sociali, impegnandosi a ridurre i consumi energetici è quasi sorprendente scoprire che la riduzione di questi consumi rappresenta ancora una sfida, e non di poco conto, per il 45% delle aziende.
E’ quello che emerge dai risultati del sondaggio prodotto da Quocirca, azienda di analisi e ricerca, “A sustainable print agenda” in cui sono state interpellate aziende con sede nel Regno Unito, Germania e Francia con l’obiettivo di verificare la loro consapevolezza relativamente al consumo energetico correlato alla tecnologia, di identificare i criteri adottati per capire se l’impegno rivolto al risparmio energetico si sia rivelato efficace.

Una delle risposte per cui le aziende si sentono così impreparate sull’argomento viene implicitamente rivelato da uno dei dati della ricerca: il 55% delle aziende intervistate dichiara di non conoscere sufficientemente i dispositivi multifunzione (MFP) installati e tantomeno il loro relativo utilizzo.

ColorBrainMa cosa si nasconde dietro una tale disinformazione sull’utilità e l’utilizzo dei dispositivi MFP?
Come spesso accade c’è una componente di superficialità nella gestione del lavoro da parte degli utenti, ma questo non basta a spiegare il problema. L’altro fattore fondamentale, infatti, è quello della scarsa attenzione verso le potenzialità del risparmio energetico, previste dalle funzionalità applicate ai dispositivi MFP, così, ad esempio, sebbene un incoraggiante 80% delle aziende dichiari di aver adottato soluzioni utili per i processi di stampa, solo un terzo di queste le applica rigorosamente. Altre inefficienze sono invece dovute ai dispositivi di stampa non utilizzati o mal gestiti, come emerge dal fatto che solo il 20% delle aziende afferma di utilizzare i dispositivi più appropriati per i lavori di stampa più impegnativi, e non è da sottovalutare neanche che oltre il 50% delle aziende non applica regole per l’utilizzo oculato della stampa a colori.

Per proseguire la lettura clicca qui sotto.