IKS in crescita: +25%

3979

La società si espande sul mercato italiano registrando una crescita a doppia cifra per l’anno 2013, con un proporzionale aumento dei clienti e buone prospettive per il 2014. Rafforzati anche gli investimenti in ambito mobile e cloud

IKS, azienda di consulenza specializzata nello sviluppo di soluzioni in ambito IT Governance e Security, ha chiuso il 2013 registrando un aumento di fatturato del 25% sul mercato italiano e una crescita del 20% del numero di Clienti acquisiti.
Gli ambiti protagonisti dell’offerta IKS, per l’anno appena concluso, sono stati il Cloud ed il Mobile, insieme all’opensource, tutti ambiti che saranno ulteriormente sviluppati nel corso del prossimo biennio e che saranno il focus su cui si concentreranno gli investimenti dell’azienda nel 2014.

L’obiettivo dell’azienda per quest’anno è quello di estendere ulteriormente la gamma di prodotti e servizi proposti, grazie ad attività di Ricerca&Sviluppo e nuovi accordi di partnership, al fine di rispondere in modo sempre più preciso e puntuale alle nuove esigenze dei Clienti. A questo scopo, inoltre, IKS prevede di rafforzare tutta la struttura tramite l’inserimento di nuove risorse e iniziative specifiche per la promozione delle sue soluzioni. Infine, verranno riproposti eventi come il PCI Forum e lo User Group sul fronte antifrode, che segnano una tappa importante per il percorso di evoluzione della società nel segmento sicurezza e governance.

“Abbiamo accolto il nuovo anno con ottimismo – dichiara Paolo Pittarello, Founder e amministratore delegato di IKS – e siamo sicuri di riuscire ad ottenere ancora interessanti riscontri di mercato. Quest’anno, inoltre, festeggiamo i nostri 15 anni di attività, e possiamo affermare con soddisfazione di essere cresciuti molto come gruppo, arricchendo costantemente la nostra offerta di nuove soluzioni e servizi. Proseguiremo a lavorare intensamente sul nostro core business, fornendo supporto su temi che spaziano dalla compliance all’ottimizzazione dei processi di filiera, il cloud e il mobile, con specifiche declinazioni sui diversi mercati verticali”.