Settore Sanitario: le opportunità della tecnologia e il suo impatto su Ricerca e Sviluppo

317

Uno studio condotto dall’Economist Intelligence Unit e sponsorizzato da Ricoh mette in evidenza come nel Settore Sanitario la tecnologia sia alla base del cambiamento, ma i dirigenti temono l’impatto su Ricerca e Sviluppo

[section_title title=The Challenge of the Speed]

Il 51% dei dirigenti europei del Settore Sanitario afferma che nei prossimi tre anni l’IT avrà un forte impatto sui modelli di business. I dirigenti del settore sono però convinti che questo rapido cambiamento comporti dei rischi in particolare nei seguenti ambiti:
1) tecnologico
2) Ricerca e Sviluppo (R&D).
La maggior parte del campione (71%) pensa che la propria organizzazione debba riuscire a trasformarsi più rapidamente nei prossimi tre anni se vuole essere pronta per il futuro e il 78% dei dirigenti si sta impegnando affinché questo cambiamento si attui il prima possibile.
Questo è quanto emerge dal nuovo studio The Challenge of Speed (La sfida della velocità), condotto dall’Economist Intelligence Unit e sponsorizzato da Ricoh. Il campione di indagine è composto da dirigenti di strutture ospedaliere, di aziende produttrici di dispositivi medicali e del settore farmaceutico.

Carsten Bruhn, Executive Vice President di Ricoh Europe, afferma: “I leader del Settore Sanitario sanno che c’è molto da fare e sentono la necessità di un rapido cambiamento. Anche l’eHealth Action Plan della Commissione Europea evidenzia molti ambiti che necessitano di innovazione, dai diritti dei pazienti all’assistenza sanitaria transfrontaliera al finanziamento di attività di ricerca e sviluppo per garantire che le cartelle sanitarie elettroniche siano compatibili a livello internazionale”.

Per proseguire la lettura clicca qui sotto.