Panasonic, più efficienza in mobilità

480

Il nuovo Toughpad Windows Rugged di Panasonic è più veloce e ha una durata maggiore. La nuova versione è dotata di processore Intel di quarta generazione e batteria hot-swap opzionale

Panasonic non si ferma mai e oggi propone un nuova soluzione per aumentare la forza lavoro in mobilità. E’ arrivata infatti l’ultima versione del suo tablet Windows fully rugged – Toughpad FZ-G1, un tablet da 10,1 pollici con Pro Update Windows 8.1 leggero e sottile.
La nuova versione di Toughpad FZ-G1 è dotata di tecnologia Intel Core di quarta generazione. Grazie alla batteria performante e al nuovo sistema hot swap opzionale per la sostituzione della batteria, Toughpad FZ-G1 offre operatività senza interruzioni 24 ore su 24.

Il dispositivo è inoltre dotato della più recente tecnologia GPS per permettere ai mobile worker di localizzare con precisione la loro area di lavoro e la loro destinazione più rapidamente e in maniera più accurata.
Una caratteristica che rende interessante questo dispositivo è che il touchscreen funziona anche con i guanti.
La gamma Toughpad è stata progettata per soddisfare i medesimi standard di durata che caratterizzano la linea di portatili Toughbook. Toughpad FZ-G1 fully rugged è stato certificato secondo la normativa Mil-STD-810G e garantisce così resistenza all’acqua e alla polvere con un grado di protezione IP65.

Toughpad FZ-G1 è disponibile, nel modello standard, con una web cam frontale HD da 720p mentre si può aggiungere una camera rear a 5MP o 8MP con triplo flash per una migliore resa dei documenti o foto in qualsiasi condizione di luce.
Windows e i tasti personalizzabili sulla parte anteriore del dispositivo permettono ai professionisti di passare da un’applicazione all’altra semplicemente premendo un pulsante.
Per aiutare la forza lavoro a essere sempre in contatto con l’ufficio, FZ-G1 è dotato di un connettore per antenna esterno doppio, per permettere ai tablet montati su un veicolo di connettersi all’antenna posizionata sul tetto del veicolo stesso, aumentando così la capacità di connessione nelle aree remote.