La famiglia di rack PDU di Emerson Network Power si allarga

457

E’ stato presentanto il nuovo prodotto progettato per migliorare la gestione della capacità e della potenza nel data center, che assicura la massima disponibilità e la più alta efficienza rispetto ai principali concorrenti sul mercato

Emerson Network Power, divisione di Emerson attiva nella massimizzazione della disponibilità, efficienza e potenza di infrastrutture critiche, ha annunciato la nuova famiglia di unità di distribuzione dell’alimentazione a rack che comprende la rack PDU gestita MPH2 e il modulo di comunicazione RPC2, che saranno disponibili da luglio in Europa, Medio Oriente ed Africa.
La rack PDU MPH2 offre una tolleranza alla temperatura tra le più alte sul mercato e, insieme al modulo di comunicazione RCP2, garantisce una serie completa di funzioni di gestione remota, monitoraggio in tempo reale e controllo dei carichi collegati. Questo consente di avere la massima disponibilità e allo stesso tempo dare la possibilità ai responsabili It di monitorare, prevedere e gestire i cambiamenti nel data center. L’integrazione con i protocolli di gestione e autenticazione dello standard industriale consente alla MPH2 di integrarsi facilmente con l’It e le reti di comunicazione esistenti.

“Abbiamo testato numerose soluzioni rack PDU commutate tra le più famose del mercato e abbiamo rilevato che MPH2 di Emerson offre i più alti livelli di disponibilità ed efficienza” afferma Craig Hillman, CEO di DfR Solutions, un’agenzia di test indipendente che ha eseguito un confronto tra il modello commutato della rack PDU gestita MPH2 con il modulo di comunicazione RPC2 e tre rack PDU dei concorrenti.

La nuova offerta permette al datacenter di ottenere diversi vantaggi, tra cui elevata disponibilità, gestione ottimizzata di capacità ed energia, integrazione semplificata negli strumenti di gestione e integrazione elettrica e meccanica facilitata.
La tecnologia portata dal modulo di comunicazione RPC2, che permette di implementare comunicazioni di rete facilmente aggiornabili, sensori di precisione e display di interfaccia con possibilità di accesso locale o remoto tramite il software di gestione dell’infrastruttura, consente, inoltre, ai gestori dei data center di tenere sotto controllo più facilmente parametri ambientali ed elettrici importanti, impostare soglie, allarmi e notifiche, controllare e gestire singoli vani e/o gruppi di utenze e dispositivi.