Tecnologia al servizio del sociale

380

All’Help Computer Day Asus ed Help Computer hanno presentato tante iniziative volte alla promozione dell’utilizzo della tecnologia declinata nei diversi ambiti e realtà del sociale

La Social Responsibility sembra essere diventato un aspetto sempre più importante all’interno delle realtà aziendali ed una testimonianza illustre arriva da Asus, che ha voluto testimoniare la propria vicinanza e sensibilità ai temi sociali sostenendo l’impegno del proprio Partner Certificato, Help Computer di Monopoli (BA), in favore dello sviluppo di iniziative volte a promuovere l’utilizzo della tecnologia nei più diversi ambiti di applicazione ed impiego, dalla sanità all’istruzione, e verso le più disparate fasce d’età.

I contenuti e i risultati di questa collaborazione, avviata già da diversi mesi, sono stati presentati nel corso del decimo Help Computer Day, la convention caratterizzata da conferenze tematiche e workshop dedicati a diversi settori di impego della tecnologia ad alta rilevanza sociale e svoltasi lo scorso 20 Settembre a Monopoli. Tante le soluzioni concrete mostrate nel corso dell’evento, che è stato anzitutto occasione per la presentazione in anteprima nazionale del progetto StayAlive che, nato per impulso di Help Computer e frutto della partnership tra MediaSoft e StayAlive_AsusASUS Italia, è rivolto agli ospiti delle case di riposo nel tentativo di avvicinare gli anziani all’uso della tecnologia. Grazie all’applicazione sviluppata da Mediasoft e utilizzabile esclusivamente su tablet ASUS, il tablet stesso è reso “a misura di anziano” e offre agli ospiti delle case di riposo la possibilità di rimanere in contatto con la propria famiglia, azzerando le distanze con il mondo esterno.

Tra le varie esperienze e progettualità presentate durante l’evento, interessanti anche i contributi rivolti al mondo della Sanità con la soluzione drCLOUD per la dematerializzazione delle prescrizioni mediche e dei certificati, utile altresì per la semplificazione della comunicazione medico-paziente in mobilità e da remoto, o K.I.S.S. Health (Knowledge Intensive Social Services for Health), una soluzione per l’analisi posturale e lo screening precoce nei più giovani di problemi legati alla postura del corpo; così come le soluzioni a sostegno della Disabilità, con la presentazione di supporti specifici e app dedicate ai diversamente abili e in grado di consentire il superamento delle distanze e dei vincoli tipici di queste condizioni di disagio, favorendo processi di apprendimento, interazione e comunicazione con il mondo circostante.

Le numerose attività e proposte progettuali presenti sono state condivise anche con una più ampia platea di fruitori, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica verso questi temi, oltre che con la stampa e i diversi “addetti ai lavori”.