Referti medici da remoto con la teleradiologia di Fastweb

421

Fastweb attiva per rendere possibili i referti medici da remoto; la teleradiologia sbarca a Cosenza e provincia

Nell’era digitale tutto o quasi è possibile grazie alla connessione Internet, diventata ormai uno strumento essenziale in ogni ambito dell’esistenza quotidiana. E non sono solo i cittadini ad informarsi sui prodotti Fastweb o Tiscali e sulle relative possibilità di adsl per la casa. Anche la pubblica amministrazione, infatti, o gli enti pubblici sanitari o dell’istruzione si rivolgono sempre più spesso ai gestori telefonici per esplorare le possibilità di tali tecnologie.

In ambito sanitario, per esempio, la connessione a Internet è sempre più utilizzata per la messa a punto di servizi di telemedicina rivolti ai pazienti ma anche al personale medico. Tra i gestori più all’avanguardia in questo senso, è proprio Fastweb ad aver realizzato, in collaborazione con l’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza, un progetto di teleradiologia per la visione di referti medici da remoto.

L’obiettivo è quello di minimizzare la distanza fisica e virtuale tra le 16 sedi dell’A.S.P. di Cosenza e aumentare la produttività dell’ente ospedaliero. La soluzione della teleradiologia, per la visualizzazione dei referti medici da remoto permette di migliorare il comfort degli utenti, spesso impossibilitati o ostacolati nel raggiungimento delle strutture dislocate sul territorio, e il personale medico nella gestione e nell’analisi dei dati dei pazienti.

Un progetto, questo, attraverso la quale gli specialisti delle diverse discipline dell’ospedale riescono ad accedere e fornire referti in tempo reale, da remoto, di radiografie eseguite in una qualsiasi delle sedici strutture dell’Asp” di grande ambizione considerando, con le parole di D’Agostino, responsabile del mercato di Fastweb, “che in Calabria abbiamo il problema della raggiungibilità di alcune sedi attraverso la banda larga”.

E tanto più che, in tal caso, si sta parlando “di reti sulle quali viaggiano informazioni e immagini che necessitano di molta banda”. “Non potendo contare sul rame,” allora, “l’unica strada è quella della fibra ottica. Anche per garantire un aspetto imprescindibile della trasmissione: l’affidabilità”. Grazie alla fibra, dunque, e a una soluzione di bonding in Vpn, che permette di aggregare i link di diversi operatori, Fastweb rende disponibile la banda larga necessaria alla trasmissione dei dati del servizio informatico radiologico, Ris, e all’archiviazione delle immagini Pacs.

Nello specifico la soluzione adottata da Fastweb consente di accedere ai referti medici da remoto da una qualunque delle 16 sedi dell’A.S.P. di Cosenza e dai relativi poliambulatori, trasferendone le immagini in alta qualità e con una definizione tale da consentire la refertazione in modo distribuito. Ciò è possibile, inoltre, anche nei casi di emergenza e indipendentemente dalla rete utilizzata dall’ente pubblico, in pochi secondo e in tutta sicurezza.