Connettività IoT senza batterie con Texas Instruments

621

Grazie alla nuova piattaforma di microcontrollori wireless a potenza ultrabassa SimpleLink i clienti potranno eliminare le batterie sostituendole con sistemi di energy harvesting oppure essere sempre connessi per parecchi anni con una semplice batteria a bottone

[section_title title=Connettività IoT senza batterie con Texas Instruments – parte 1]

La connettività IoT dice addio alle batterie. La novità arriva da Texas Instruments, che ha presentato la nuova piattaforma di microcontrollori wireless a potenza ultrabassa SimpleLink, grazie alla quale i clienti potranno eliminare le batterie sostituendole con sistemi di energy harvesting oppure essere sempre connessi per parecchi anni con una semplice batteria a bottone.
Si ottiene così la flessibilità necessaria per sviluppare prodotti che supportano diversi standard di connettività wireless utilizzando un sistema con un unico chip e la stessa radiofrequenza. La piattaforma a potenza ultrabassa SimpleLink supporta Bluetooth low energy, ZigBee, 6LoWPAN, Sub-1 GHz, ZigBee RF4CE e modalità proprietarie fino a 5Mbps. Si arricchisce così ulteriormente l’ampia gamma SimpleLink, famiglia di dispositivi per connettività wireless per l’Internet of Things caratterizzati da facilità d’uso e bassi consumi.

La piattaforma SimpleLink a potenza ultrabassa è la più integrata con MCU ARM Cortex-M3, Flash/RAM, convertitore analogico-digitale, periferiche, controller per sensori e solida sicurezza integrata a bordo chip. Questa piattaforma semplifica notevolmente anche la progettazione grazie a pile di protocolli pronte all’uso, sistema operativo in tempo reale TI RTOS, ambiente di sviluppo integrato (IDE) Code Composer Studio, strumenti di sviluppo, formazione online e supporto della community E2E. Inoltre Texas Instruments agevola la connettività al cloud grazie all’ecosistema cloud IoT.

La nuova piattaforma a potenza ultrabassa è progettata per funzionare con bassissimi consumi. La soluzione comprende un controller per sensori integrato che si interfaccia con sensori esterni in maniera autonoma mentre il resto del dispositivo è a riposo. La piattaforma gestisce picchi di corrente radio sotto 6,2 mA e corrente attiva sulla MCU inferiore a 61 uA/MHz. Tutto il chip può restare in standby a soli 1 uA con ritenzione di memoria e RTC attivo.

I primi modelli della piattaforma sono CC2640 per Bluetooth Smart e CC2630 per 6LoWPAN e ZigBee. Per aumentare ulteriormente la flessibilità i clienti possono utilizzare la MCU wireless CC2650 che supporta diverse tecnologie a 2,4 GHz fra cui Bluetooth Smart, 6LoWPAN, ZigBee e RF4CE. Sfruttando questo supporto multi-standard, i clienti possono realizzare progetti predisposti per l’evoluzione futura e configurare la tecnologia prescelta al momento dell’installazione in campo.

A pagina seguente il dettaglio dei modelli