Smartphone: ecco Figure1, l’app social per i medici

317

Creata da un medico canadese, questa app per smartphone permette agli specialisti di tutto il mondo di discutere sui casi clinici: ecco come

Gli smartphone sono ormai funzionali a tutti gli ambiti. Persino ai medici, che dopo aver messo le tariffe di Tre a confronto con quelle di Tim, Wind e altri operatori per trovare quella più indicata per le proprie esigenze, possono scaricare un’app social fatta apposta per loro. Il tutto gratuitamente, sia sui dispositivi montanti sistema operativo Android che iOS, grazie all’intuzione di Joshua Landy, specialista in rianimazione a Toronto.

Un Instagram medico

Figure 1, questo il nome dell’app per smartphone, è una sorta di Instagram per medici. I dottori possono infatti postare foto, radiografie o altre immagini di esami per la condivisione con altri colleghi, che daranno il loro parere a seconda delle competenze. Oltre ad essere un valido strumento  di discussione, l’app si rivela così un prezioso aiuto per quanto concerne casi difficili, potendo contare sull’opinione di medici sparsi per tutto il globo.

Landy, che nel 2013 ha messo in piedi una società e raccolto 5,7 milioni di dollari per realizzare questo progetto e lanciarlo a livello internazionale, dichiara che l’idea gli è venuta in maniera poco ortodossa. Lavorando di notte infatti, ha affermato che capita di sentirsi isolati e di aver voglia di parlare con qualcuno. Secondo il medico canadese Figure1 aiuterà i colleghi a imparare gli uni dagli altri, semplicemente tramite il proprio smartphone; in questo modo i dati vengono condivisi, ma senza violare la privacy dei pazienti.

Una community in costante crescita

Attualmente l’applicazione è usata da più di 150.000 professionisti del settore sanitario, con un occhio particolare all’espansione in Europa, dove hanno già aderito all’iniziativa decine di migliaia di utenti. Su Figure1 vengono condivisi casi difficilmente incontrabili nel quotidiano, e questo aiuta i medici a fare nuove esperienze; molti medici chiedono aiuto alla comunità su casi particolari, che suscitano molte risposte in pochi minuti. Recentemente il progetto ha ricevuto un finanziamento di  quattro milioni di dollari da Union Square Ventures (già investitori in Twitter e Tumblr) che hanno consentito di allargare il personale, estendere l’attività a livello nazionale e migliorare l’app per smartphone.

Al momento la società non genera ricavi, secondo Landy ci si potrà pensare solo dopo aver ulteriormente migliorato il prodotto. Di recente è stata stretta una collaborazione con Medici Senza Frontiere. Per il fondatore MSF è un partner molto importante, in quando posta una grande mole di casi interessanti da tutto il mondo; questo ha inoltre fatto sì che molti medici si mettessero in contatto con l’associazione no profit per saperne di più e informarsi sulla possibilità di lavorare per loro. Landy afferma infine di essere interessato a stringere una partnership anche con un’organizzazione dedicata alla lotta al cancro.