Clouditalia stringe partnership con Alcatel-Lucent, Sony e Acronis

644

La società italiana rafforza così la propria presenza in ambito Unified Communications, Videosorveglianza e Backup Dati

Grandi novità in casa Clouditalia. L’operatore di servizi integrati di Telecomunicazioni e Cloud di Arezzo ha annunciato oggi le nuove partnership con 3 grandi aziende internazionali dell’IT: Alcatel-Lucent Enterprise, Sony e Acronis, rispettivamente in ambito Unified Communications, Videosorveglianza e Backup dati. I nuovi accordi sono stati resi noti oggi in occasione del Partner Program Update in corso a Bologna. 

ALCATEL-LUCENT ENTERPRISE

Con Alcatel-Lucent Enteprise Clouditalia ha avviato lo sviluppo di prodotti Unified Communications di ultima generazione, il primo dei quali è il nuovo SmartPBX, un centralino business dalle funzionalità avanzate dedicato al mercato delle PMI (Piccole Medie Imprese) che integra la soluzione «OpenTouch Office Cloud» (OTOC) di Alcatel-Lucent Enterprise con i servizi Cloud di Clouditalia.

Con SmartPBX il cliente non deve più preoccuparsi della gestione in loco del proprio centralino: tutto viene gestito in remoto (PBX as a Service) con un elevato grado di protezione da parte dell’operatore e aggiornamento automatico in web service.

Il servizio “All Inclusive” include sia l’hardware (apparati telefonici e accessori) che le linee telefoniche, il traffico telefonico/dati e l’assistenza con unica fatturazione in base alle specifiche esigenze del cliente.

Un’offerta flessibile e modulare, fruibile anche in white label, con User Experience elevata e qualità tecnica garantita dall’esperienza pluridecennale di Alcatel-Lucent Enterprise e dall’affidabilità dei servizi di virtualizzazione di Clouditalia.

offerta

SONY

L’accordo con Sony riguarderà principalmente i sistemi di videosorveglianza dedicati al settore privato e pubblico. L’offerta Sony è costituita da quanto più innovativo il mercato propone, come i sistemi di telecamere dotate di intelligenza e algoritmi di correzione per le riprese più estreme in termini di luce e back light.

“L’installazione delle telecamere avviene sempre in ambiti geografici molto ampi con un sistema di gestione che è il punto in cui convergono tutti le immagini prodotte. È evidente che senza la capacità di unire tutti gli elementi non sarebbe possibile fruire delle potenzialità del sistema – ha commentato Alfredo Donadei, Senior Channel Account Manager di Sony Italia – L’integrazione tra la capacità innovativa in ambito video di Sony e quella di operatore di telecomunicazioni di CloudItalia permette di offrire una soluzione completa”.

ACRONIS

L’accordo con Acronis riguarda l’ambito Back up as a Service (BaaS) che consente ai partner di Clouditalia di assolvere rapidamente alle esigenze di protezione dei dati dei propri clienti con un servizio completo e affidabile di backup e recovery locale e cloud.

Sfruttando la potenza di Acronis AnyData Engine e le competenze di virtualizzazione di Clouditalia, Acronis Baas-Backup as a Service fornisce un servizio altamente personalizzato che esegue il backup dei dati da qualsiasi fonte e permette il recovery verso qualsiasi destinazione e sistema. Si tratta di una soluzione multi-tier/multi-tenant, che fornisce storage locale e ibrido per il  backup dei dati, e la possibilità di ripristino da locale e cloud. L’utilizzo e la gestione della piattaforma è molto semplice e trasparente per i rivenditori: con un solo clic possono ottenere una panoramica sull’utilizzo attuale, ricevere un’unica fattura mensile e adattare facilmente i servizi in base alle loro mutevoli esigenze di business. 

“Siamo davvero felici che Clouditalia abbia scelto di includere la nostra offerta BaaS-Backup Acronis as a Service nei suoi servizi – ha commentato Mauro Papini, Country Manager Italia di Acronis – Fornendo la migliore soluzione che risponde alle esigenze di protezione dei dati dei rivenditori e fornendo loro una soluzione semplice, completa e sicura, è un complemento ideale della loro offerta di servizi”. 

Il 42% delle imprese – citano i dati Acronis – conserva infatti  almeno una selezione di dati in Cloud mentre il 65% con sedi remote per Disaster Recovery utilizzano il Cloud per memorizzarne alcuni o tutti. L’87% di chi sfrutta il cloud, infine, vuole anche una copia locale (fonte: Acronis 2015).Le aziende sono alla disperata ricerca di hosting provider che offrano backup cloud e locale e soluzioni di recovery di cui si possano fidare. Gli hosting provider, a loro volta, nel momento in cui si trovano a scegliere una nuova soluzione, hanno essenzialmente 6 richieste ricorrenti:

  • soluzioni low-cost con margine alto
  • soluzioni che girino su loro infrastruttura e su infrastrutture di terze parti
  • automatizzazione di vendita e provisioning
  • fornitura di back per ambienti cliente ibridi
  • self-provisioning per il cliente e gestione del recovery selezionando piani di backup
  • multi-tenancy per garantire un uso più efficiente delle infrastrutture, riduzione dei requisiti operativi e abilitazione a diversi livelli di servizio