Epson: la “macchina del tempo” che ci porta nella Gallia Cisalpina

632

Grazie alla Realtà Aumentata degli smart glass Epson Moverio e dell’applicazione Art Glass, alle installazioni immersive in mostra e ai 3D di Telecom Design, i visitatori della mostra “Roma e le genti del Po. Un incontro di culture. III-I secolo a.C.” possono camminare per le via di Brixia, la Brescia di 2000 anni fa

Una macchina del tempo ci riporta indietro nella storia e ci fa camminare per le vie di Brixia, la Brescia dei secoli in cui le genti del Po incontrarono per la prima volta la Roma Repubblicana. Questa è l’esperienza che viene proposta ai visitatori della mostra Roma e le genti del Po. Un incontro di culture. III-I secolo a.C., in calendario fino al 17 gennaio 2016 presso il Museo Santa Giulia di Brescia.

Non è solo un percorso espositivo, ma un vero e proprio viaggio nel passato: la macchina del tempo c’è, ed è stata realizzata anche grazie all’utilizzo di 17 videoproiettori Epson, deputati a ricreare i suggestivi ambienti della città e le coinvolgenti vedute della campagna circostante che, entrambi, fanno da sfondo all’esposizione archeologica, composta da quasi 500 reperti, molti dei quali mai esposti, in un percorso di ben1.500 metri quadrati. Gli smart glass Epson Moverio hanno invece offerto la piattaforma tecnologica per creare una straordinaria applicazione di Realtà Aumentata, realizzata dall’esperienza di ART Glass Srl, capace di portare i visitatori in quello che doveva essere il cuore della città così come lo videro e lo vissero gli abitanti di allora.

La tecnologia Epson – afferma Luigi Di Corato, Direttore del Museo Santa Giuliaci ha permesso di allestire nell’area archeologica un percorso in Realtà Aumentata che permetterà ai visitatori di sperimentare un modo nuovo di vivere il museo e regalerà loro un’esperienza unica e suggestiva“.

La partnership con il Museo Santa Giulia – afferma Carla Conca, Sales Manager Visual Instruments di Epson Italiadimostra come i prodotti Epson possano essere impiegati anche in ambito museale, offrendo la possibilità di allestire mostre innovative, dove l’oggetto museale diventa un’esperienza coinvolgente per il visitatore grazie alle tecnologie più aggiornate“.

Grazie all’utilizzo degli smart glass Epson Moverio e al software Art Glass, i visitatori possono immergersi nell’età romana e vedere le ricostruzioni degli edifici (georeferenziati e ambientati) in sovrapposizione al mondo reale, vivendo un’esperienza unica lungo un percorso costituito da numerosi punti di interesse con le ricostruzioni 3D e gli scenari immersivi di realtà aumentata a 360° prodotti da Telecom Design: il maestoso Capitolium a dominare l’imponente piazza del foro, la cella centrale con la statua di Giove, le lunghe rampe di scale in marmo bianco, l’ombra delle colonne sui portici, il colle Cidneo alle spalle, con un altro importante tempio che svetta sulla sua sommità, il teatro romano con i suoi 20.000 posti a sedere, le taberne, le domus, e, in lontananza, le mura con la porta urbica verso Verona.