Check Point lancia Mobile Threat Prevention

4185

La protezione studiata appositamente per i device mobili, ideale per le aziende che credono nel BYOD

Disponibile già da ora tramite la rete di partner, Check Point Software Technologies presenta Check Point Mobile Threat Prevention, una nuova soluzione pensata per proteggere in maniera specifica i dispositivi mobili con sistema iOS e Android dotata di una threat intelligence e di visibilità in tempo reale per l’estensione alle infrastrutture mobili e di sicurezza già esistenti.

L’esigenza di una protezione ad hoc per i dispositivi mobili, d’altronde, è molto forte. Come ha evidenziato il Security Report 2015 di Check Point infatti un’azienda che conta più di 2000 dispositivi connessi alla propria rete rischia al 50% che almeno sei dispositivi vengano infettati o che siano vittima degli hacker. A fronte di questo rischio, però, le aziende sono ancora impreparate, principalmente a causa della mancanza di strumenti che forniscano un’adeguata visibilità e un’intelligence operativa, strumenti che sono invece alla base della nuova soluzione promossa da Check Point.

Tra le caratteristiche principali di Check Point Mobile Threat Prevention figurano:

Protezione totale avanzata contro le minacce ai dispositivi mobili, che comprende il rilevamento di applicazioni dannose, di minacce sulla rete, e di minacce su OS. La risposta dinamica a queste minacce vieta ai dispositivi infetti di accedere alla rete dell’organizzazione e consente l’attivazione di policy di controllo in risposta, con risultati unici in termini di riduzione e azzeramento di minacce sui dispositivi.

Piena visibilità e threat intelligence mobile, che fornisce ai team di sicurezza e mobilità una panoramica sulla quantità e sul tipo di minacce che potrebbe affrontare l’azienda. La funzione di threat intelligence in tempo reale viene veicolata da Check Point SmartEvent e Check Point ThreatCloud a sistemi di gestione delle situazioni e delle informazioni di sicurezza, Security Information and Event Management (SIEM) o a sistemi di risposta a queste situazioni per maggiori informazioni e per un monitoraggio più approfondito, in relazione agli attacchi subiti dalle reti interne.

Presenza di una dashboard cloud-based, che facilita e velocizza la gestione dei dispositivi compatibili e il controllo delle minacce ai dispositivi mobili.

Diffusione e attuazione continua: Check Point Mobile Threat Prevention si integra con i sistemi Mobile Device Management (MDM) o Enterprise Mobility Management (EMM) di un’azienda per facilitare l’applicazione di funzioni di sicurezza avanzate ai dispositivi mobili. L’utente sfrutta il dispositivo come ha sempre fatto con una user experience chiara che unisce privacy e performance. Una volta rilevata una minaccia, l’utente può rimuoverla in modo facile e veloce, costantemente protetto e produttivo.