Edotto di Exprivia inserito nel Catalogo del Riuso dell’Agid

563

Il sistema potrà essere riutilizzato gratuitamente da tutte le Regioni e pubbliche amministrazioni con significativa riduzione della spesa sanitaria.

Il Sistema Informativo Sanitario Edotto sviluppato da Exprivia, è stato inserito nel Catalogo del Riuso dell’Agid. Il sistema è stato sviluppato originariamente per la Regione Puglia per mettere in rete tutto il sistema sanitario regionale, dagli ospedali pubblici ai medici di famiglia alle farmacie, con l’obiettivo prioritario di monitorare e ridurre la spesa e unificare le informazioni amministrative e sanitarie. Oggi, invece, il sistema Edotto potrà essere riutilizzato gratuitamente da altre Regioni e pubbliche amministrazioni adattandolo alle proprie esigenze.

Progettato e sviluppato da Exprivia Healthcare IT, società del gruppo Exprivia specializzata nell’offerta per il mercato sanitario, Edotto è costituito da oltre 30 sistemi applicativi che consentono di condividere a livello regionale basi informative quali l’anagrafe assistiti, l’anagrafe delle strutture sanitarie, l’anagrafe del personale sanitario, oltre ad un applicativo di “pseudonimizzazione” per garantire la privacy di tutti i soggetti iscritti. Tra le numerose funzionalità sono comprese la gestione degli interventi di pronto soccorso, della contabilizzazione delle ricette farmaceutiche, della spesa farmaceutica per pazienti ricoverati, degli acquisti da fornitori di dispositivi protesici, e così via.

Il riutilizzo di Edotto consentirà alle amministrazioni pubbliche che adotteranno il software risparmi in termini di minori costi gestionali e di sviluppo, risparmi sui costi di licenze del software, riduzione dei tempi di lavoro delle pratiche per scarso ricorso a gare ed appalti, minore contenzioso per errori, maggiore condivisione delle informazioni tra le P.A.

Attualmente fruiscono dei servizi di Edotto 6 ASL, 2 aziende ospedaliere, 2 IRCCS pubblici, 2 IRCCS privati, 700 strutture private accreditate per un totale di 13400 operatori coinvolti che servono oltre 4 milioni di cittadini assistiti.