Texas Instruments ottimizza l’efficienza delle apparecchiature di medicali

410

I nuovi front-end analogici a ultrasuoni a 16 canali integrano una gamma di funzionalità per ottimizzare la qualità delle immagini e le prestazioni, riducendo i consumi e i costi del sistema.

I dispositivi di diagnostica per immagini, dalle cure prenatali alle apparecchiature per imaging cardiaco, dovranno fornire immagini sempre più precise e diventare al tempo stesso più compatte e portatili. Per rispondere a queste esigenze, Texas Instruments ha presentato le famiglie AFE5818 e AFE5816, i primi front-end analogici a ultrasuoni a 16 canali. I nuovi AFE integrano una gamma di funzionalità per ottimizzare la qualità delle immagini e le prestazioni, riducendo i consumi e i costi del sistema.

Per ottimizzare l’efficienza del sistema, queste famiglie offrono molteplici versioni, con e senza blocco di demodulazione e interfaccia JESD204B opzionale, semplificando ulteriormente il layout della scheda e assicurando una riduzione dei costi. Le nuove famiglie offrono inoltre consumi fra i più bassi del settore in rapporto alle prestazioni di rumore, consentendo di realizzare soluzioni portatili con prestazioni di imaging superiori senza impatto negativo sul budget di potenza.

Le famiglie AFE5818 e AFE5816 sono completate da ADS52J90, un nuovo convertitore analogico-digitale (ADC) ad alta velocità a 16 canali configurabile fino a 32 ingressi, per progetti di ricevitori a ultrasuoni che richiedono una maggiore flessibilità del front-end. Questo ADC è dotato anche di demodulatore digitale a bordo chip per ridurre i costi del processore o della scheda FPGA, oltre a un’interfaccia LVDS (segnalazione differenziale a bassa tensione) o un’interfaccia seriale JESD204B per velocità di trasferimento dati maggiori.