Philips e HDS: un’alleanza per il benessere dei pazienti

289

Le due aziende lanciano una soluzione di gestione dei dati di prossima generazione per l’assistenza sanitaria






Royal Philips e Hitachi Data System (HDS) collaboreranno allo sviluppo di un sistema di gestione delle immagini medicali universale e veloce che sarà probabilmente immesso sul mercato nella seconda metà di quest’anno.

L’obiettivo delle due aziende è quello di creare un Vendor Neutral Archive (VNA), ossia una soluzione per la gestione dei dati dove le immagini medicali, documenti e altre informazioni rilevanti dal punto di vista clinico potranno essere archiviati in forma standard, permettendo loro di essere facilmente accessibili per tutti gli altri sistemi informatici, anche di altri vendor. La collaborazione combina l’expertise di Philips nelle soluzioni per la gestione delle immagini medicali con le capacità di gestione dei dati digitali relativi alla salute dei pazienti di HDS.

Questo avanzato sistema VNA raccoglie le più grandi sfide nell’ambito delle organizzazioni mediche, che si trovano a dover gestire milioni di immagini, spesso archiviate in sistemi multivendor e all’interno di infrastrutture che fanno capo a diversi dipartimenti, ma che devono essere accessibili in maniera rapida. Con questo sistema in meno di tre secondi il personale medico può accedere a tutti i dati necessari.

“Le soluzioni convenzionali VNA hanno lottato per soddisfare le esigenze di prestazioni e scalabilità delle grandi aziende sanitarie – commenta Yair Briman, Senior Vice President e General Manager della divisione Healthcare di Philips. Insieme a Hitachi, abbiamo lavorato allo sviluppo di una soluzione robusta e sicura in grado di integrare l’intero portafoglio di imaging medicale in una piattaforma di gestione dei dati universale che è altamente scalabile, basata su standard e fornisce le prestazioni di cui i nostri clienti hanno bisogno “.

“Sappiamo dalle conversazioni con i nostri clienti che è necessaria una soluzione del genere per sostenere le imprese di assistenza sanitaria nei loro sforzi per fornire una migliore cura del paziente a costi inferiori” conclude Briman.