Sanità digitale: al via il 1 marzo la ricetta elettronica

225

Il 2016 sarà l’anno del Fascicolo e del Dossier Sanitario Elettronico che, secondo il Politecnico di Milano, porterà consistenti risparmi sulla spesa pubblica






Dal 1 marzo tutte le farmacie del territorio nazionale saranno in grado di accettare la ricetta elettronica, come previsto dal D.P.C.M. 14.11.2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 31 dicembre, in attuazione del DL 179/2012.

Dopo la fatturazione elettronica nei confronti della PA e tra i privati, la scuola 2.0 e il Piano Banda Ultra Larga, sembra chiaro che lo sviluppo passi attraverso la strada digitale.

I nuovi obblighi

Dopo la ricetta elettronica, tra i nuovi obblighi per il 2016: i flussi per i 730 precompilati, il Fascicolo e il Dossier sanitario elettronico.
Grazie al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 178 del 29 settembre 2015 contenente il Regolamento in materia di Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), il 2016 sarà l’anno del Fascicolo e del Dossier Sanitario Elettronico che, secondo il Politecnico di Milano, porterà consistenti risparmi sulla spesa pubblica. Si stima che le strutture sanitarie potrebbero risparmiare circa 3,8 miliardi l’anno: circa 2,2 miliardi grazie al Fascicolo Sanitario Elettronico.

Gli adempimenti normativi possono rappresentare l’inizio di un percorso coerente che parte dall’adeguamento e arriva a realizzare un eco-sistema di servizi digitali per gestire in modo strutturato tutte le comunicazioni nel settore sanitario nei confronti dei cittadini.

“Gli adempimenti relativi al Dossier Sanitario e al Fascicolo Sanitario Elettronico rappresentano delle preziose opportunità per le Aziende Sanitarie Private e Pubbliche per delineare strategie più vaste di digitalizzazione dei processi: una strada in grado di rendere in rapporti con i propri pazienti più efficaci e personalizzati. Particolate attenzione, infine, va rivolta alla sicurezza dei dati trattati e alla privacy, che in ambito sanitario sono aspetti di particolare rilevanza” commenta Luigi Caruso, Presidente del Gruppo CMT.