Patsa Holding e Itway firmano un Memorandum d’Intesa

343

La partnership ha come obiettivo lo sviluppo dei settori del Networking, Data Center, Cyber security, Application security, Big Data, IoT sul territorio iraniano






Itway, attivo nella progettazione, produzione e distribuzione di soluzioni e tecnologie per l’e-business, ha firmato a Teheran un memorandum d’intesa (Memorandum of Understanding – MoU) con l’iraniana Patsa Holding, conglomerato di 12 aziende con oltre 600 esperti in Iran e nei paesi del Medio Oriente operante nei settori dell’ICT, Industrial & Life Automation and Instrumentation. 

Obiettivo dell’accordo è di identificare e quindi sviluppare futuri progetti comuni sul territorio iraniano nei settori del Networking, Data Center, Cyber security, Application security, Big Data, IoT, con particolare attenzione anche all’analisi di specifiche aree di mercato verticali quali: Smart Government, Healthcare, Smart-Transportation and Logistics.

I piani di sviluppo sul mercato iraniano del Gruppo Itway prevedono di raggiungere un volume di affari di circa 200 milioni di Euro nei prossimi 5 anni.

La firma del memorandum d’intesa tra il presidente e fondatore del Gruppo Itway, G. Andrea Farina, e il CEO di Patsa Holding, Esmaeil Sanaei, è avvenuta all’interno della visita ufficiale del Presidente del Consiglio Matteo Renzi in Iran, che il 12 e 13 aprile 2016, insieme al neo vice Ministro dello Sviluppo Economico Ivan Scalfarotto, ha accompagnato una delegazione di imprenditori e banche italiane in missione sul territorio iraniano.

Alla firma del MoU era presente anche il Vice Ministro dell’Industria iraniano Valiollah Afkhami Rad.

Scopo della missione italiana a Teheran, coordinata da Confindustria in collaborazione con l’ICE e l’Ambasciata d’Italia a Teheran, è di intensificare i rapporti economici e commerciali di aziende italiane già presenti sul mercato iraniano e più in generale di promuovere il Sistema industriale italiano ad alto valore aggiunto.

Itway, già nel 2014, con l’apertura a Dubai della filiale Itway Mena, aveva avviato contatti e relazioni per operare nel mercato iraniano e del Middle East.