Tandberg Data presenta l’unità a disco rimovibile RDX QuikStor SATA III

191

La nuova soluzione offre le prestazioni necessarie a una vera implementazione di virtualizzazione basata su hypervisor






RDX QuikStor SATA III di Sphere 3D, fornitore di soluzioni per applicazioni in container, la virtualizzazione e la gestione dei dati nonché azienda proprietaria di Overland Storage e Tandberg Data, è un sistema di storage e archiviazione basato su disco rimovibile. Rispetto alla precedente generazione di dispositivi SATA I, il nuovo RDX QuikStor offre un incremento di velocità pari a sette volte. In più, le nuove unità sono progettate per essere compatibili con tutte le cartucce RDX attuali e future. Le prestazioni della nuova unità RDX QuikStor SATA III offrono una migliore integrazione con gli hypervisor Microsoft Hyper-V e VMware nel backup, nell’archiviazione e nello scambio di dati.

Il lancio di questa unità a disco rimovibile RDX QuikStor SATA III fa parte di un programma che ha già visto il debutto di un’unità esterna USB3+ e della QuikStation 4 con supporto da 3 TB,” ha detto Hugo Bergmann, Product Manager RDX Storage and Software Solutions in Tandberg Data. “La nuova offerta risponde ai requisiti normativi e di conformità per il backup e l’archiviazione di numerosi settori, gettando al contempo le fondamenta per la futura protezione dei dati di piccole e medie imprese e costituendo una nuova pietra miliare della nostra tecnologia. Inoltre, aumenta il livello di sicurezza dei clienti nel trasporto dei dati aziendali critici.

L’interfaccia di RDX QuikStor SATA III ha una velocità di 6,0 Gb/s, in grado di supportare un trasferimento dati di 330 MB/s su dischi a stato solido (SSD) e di 130 MB/s sui dischi fissi tradizionali (HDD). Le specifiche SATA III offrono la retro-compatibilità con le porte SATA I e SATA II, ma questa tecnologia consente una migliore e più ampia integrazione di RDX, in particolare per il backup e l’archiviazione di dati nell’IT professionale, nel trasporto e in condizioni ambientali difficili (per esempio calore o freddo estremi, vibrazioni e così via), comprese le piattaforme di virtualizzazione basate su un singolo server. Inoltre, questo è il primo dispositivo RDX capace di gestire la crittografia hardware grazie a un componente integrato che consente la crittografia dei supporti RDX per rispondere alle esigenze di conformità di backup, archiviazione e trasporto dei dati.

Siamo sostenitori dei prodotti RDX sin dall’adozione della prima unità SATA I nel 2006,” ha detto Dimitri Schewtschenko, Product Manager di TAROX AG e cliente di Tandberg Data. “Questo prodotto offre l’affidabilità e la robustezza di cui necessitiamo per la completa protezione del sistema. E questo prodotto lo fa perfettamente. Ora siamo entusiasti della nuova offerta SATA III, che si basa sulle già notevoli capacità di RDX e che grazie al suo design ci permette l’integrazione con i server VMware”.

Una migliore esperienza utente con l’hypervisor, che offre prestazioni elevate, è particolarmente adatta ai settori bancario/finanziario, telecomunicazioni, sanità, difesa e video-sorveglianza, che hanno bisogno di eseguire il backup di dati applicativi in tutta sicurezza, e per quegli utenti che vogliono interfacciare RDX con i server virtuali basati su hypervisor come Hyper-V e VMware.