CTERA introduce il disaster recovery immediato per i file server delle sedi remote

555

La nuova funzione per l’applicazione delle ACL di Windows sul cloud rende possibile il failover trasparente su cloud senza bisogno di costoso hardware ridondante






CTERA Networks introduce il disaster recovery per i propri cloud storage gateway. Si tratta di una soluzione che permette alle aziende distribuite di risolvere i guasti dello storage locale, evitando interruzioni delle attività d’ufficio e della produttività dell’utente.

CTERA cloud storage gateways sono appliance storage all-in-one fisiche o virtuali per uffici remoti, dotate di funzionalità di “failover” su cloud, backup ibrido e accelerazione file sync and share.

Gli amministratori IT possono ora configurare i gateway CTERA, per la sincronizzazione continua nel cloud delle strutture e dei permessi dei file system, spostando in qualsiasi momento gli utenti verso un accesso direct-to-cloud sicuro. Questo metodo di “failover” trasparente su cloud, consente agli amministratori di evitare le complessità associate alla gestione di dispositivi storage ridondanti e risparmiare fino all’80% sui costi.

La nuova funzionalità è resa disponibile nell’ambito di una nuova release del file system, brevettato per cloud di CTERA, il primo del suo genere a estendere le ACL (Access Control List) di Windows dall’ufficio al cloud attraverso qualsiasi file server, client mobile e desktop fisico o virtuale. Il nuovo file system fornisce, inoltre, un intuitivo percorso di trasformazione per le aziende che vogliono modernizzare le infrastrutture delle proprie sedi esterne, facendo migrare facilmente le condivisioni di file e i permessi di accesso degli utenti dai server legacy al cloud.