Adobe annuncia la nuova release di Creative Cloud al NAB 2017

1205

L’aggiornamento offre nuove funzionalità per la grafica e la titolazione, animazione, perfezionamento audio e condivisione, il supporto per i più recenti formati video e nuove capacità di Intelligenza Artificiale






Per aiutare videomaker e producer a semplificare il proprio flusso di lavoro e promuovere la collaborazione, Adobe, in occasione del NAB Show, l’evento della National Association of Broadcasting, ha annunciato un aggiornamento degli strumenti video della Creative Cloud. L’aggiornamento di Creative Cloud, offre nuove funzionalità per la grafica e la titolazione, animazione, perfezionamento audio e condivisione; il supporto per i più recenti formati video, come HDR, VR, e 4K; nuove integrazioni con Adobe Stock e capacità di intelligenza artificiale avanzate grazie ad Adobe Sensei. Annunciato all’ Adobe Summit 2017, Adobe Experience Cloud consente inoltre ai brand di offrire esperienze video su qualsiasi schermo in larga scala, contestualmente all’analisi delle prestazioni e della monetizzazione dell’adv.

I progressi tecnologici e l’esplosione della domanda da parte dei consumatori di contenuti personalizzati ad alto impatto richiedono ai producer di creare video in modo sempre più veloce e profittevole. Dallo studio di produzione più grande allo Youtuber di prossima generazione, è sempre più necessario avere soluzioni end-to-end scalabili, per semplificare i processi di creazione e produzione di video, uniti a validi strumenti per l’advertising e le analytics per ottimizzare i contenuti e accrescerne il valore.

Il valore aggiunto di Sensei

Facendo leva su Adobe Sensei, framework Adobe di AI e machine learning, gli utenti possono ora normalizzare automaticamente il volume dell’audio con un solo clic in Premiere Pro o Audition. In Character Animator, Sensei applica algoritmi complessi in tempo reale per assicurare che la sincronizzazione labiale di un’animazione sia perfetta. All’interno Adobe Experience Cloud, un motore di ricerca che suggerisce video apprende da centinaia di miliardi di dati sulla fruizione di video online per offrire agli utenti i contenuti più rilevanti. 

Integrazione con Adobe Stock

Profondamente integrato nei flussi di lavoro di Creative Cloud, grazie ad Adobe Stock gli utenti hanno accesso a milioni di risorse video, tra cui 4K e HD, e la possibilità di effettuare delle ricerche direttamente tramite l’applicazione. In questa nuova release, gli editor che vogliono vendere le loro creazioni possono contribuire ad arricchire le risorse di Adobe Stock con le loro opere attraverso la funzionalità Destination Publish all’interno di Premiere Pro e Adobe Media Encoder e raggiungere così milioni di potenziali acquirenti. Il Destination Publishing di Adobe supporta già i principali social come Youtube, Facebook, Twitter e Behance.

Pond 5 per Adobe Stock

Adobe ha inoltre annunciato una partnership con Pond5 per arricchire ulteriormente l’offerta di Stock. Prodotti da una community di artisti internazionali che uniscono contenuti moderni e ricercati, i video di Pond5 saranno accessibili a tutti gli abbonati di Creative Cloud perché integrati all’interno delle sue applicazioni.
Integrazione con Adobe Experience Cloud

Poiché le esigenze dei creatori di video – dalle agenzie creative alle media company – si evolvono verso un futuro trainato dai dati, Adobe Experience Cloud genera vantaggi lungo tutto il processo di realizzazione di un video, dal rilascio, alla misurazione fino alla monetizzazione.  Attraverso la piattaforma TV Media Management di Adobe, le media company e i braodcaster possono sfruttare strumenti di analisi per fornire agli inserzionisti un targeting reale e previsioni più accurate. Adobe Analytics Cloud consente la misurazione delle performance dei contenuti video pubblicati sui canali social all’interno di  Premiere Pro e assicura che gli annunci video siano targetizzati con un alto grado di precisione.

Adobe Advertising Cloud colma il divario tra la pubblicità per la TV tradizionale e per il digitale, semplificando la pianificazione degli annunci e il processo di acquisto, abilitando una collaborazione più stretta con le agenzie creative attraverso un’ottimizzazione dinamica della creatività (DCO), e garantendo la massima sicurezza del brand per gli annunci video con le integrazioni di terze parti più importanti nell’industria.