La stampa ancora fondamentale per la fotografia

1276

Epson a Wide Photo Fest 2017, nella splendida cornice di piazza Gae Aulenti a Milano

Dal 9 all’11 giugno Epson parteciperà a Wide Photo Fest 17, in piazza Gae Aulenti a Milano, una festa per chi ama la fotografia in una delle nuove piazze della movida milanese, dove si alternano workshop, talk, contest, performance e iniziative aperte a tutti.

“Siamo molto felici di partecipare a Wide Photo Fest 17 – afferma Renato Sangalli, Sales Manager ProGraphics di Epson Italia -. Portiamo a tutti i partecipanti la grande storia della fotografia con Fratelli Alinari, capaci di rinnovarsi oggi con il digitale senza rinunciare alla propria tradizione, e le esperienze di due grandi fotografi, anche autori del Calendario Epson. Ma vogliamo testimoniare anche – continua Sangalli – come sia importante la stampa per conservare e rendere tangibili i nostri ricordi. Un dettaglio tutt’altro che trascurabile, visto che milioni di foto scattate ogni giorno e archiviate nelle memorie di dispositivi digitali hanno buone probabilità di non sopravvivere, mentre una foto stampata con inchiostri e carte Epson può avere una durata superiore ai 300 anni.”

Con Wide Photo Fest 17 la fotografia “scende in piazza”

Epson presenterà nella manifestazione alcune delle proprie prestigiose collaborazioni. Paola de Polo di Fratelli Alinari, la più antica azienda al mondo che opera nel mondo della fotografia e della comunicazione per immagini, illustrerà il rapporto tra fotografia e comunicazione, spiegando come l’azienda ha seguito lo sviluppo tecnologico, fino ad affiancare alla tradizionale tecnica delle riproduzioni da negativo su vetro, la stampa digitale con le produzioni fine art a tiratura limitata certificate Epson Digigraphie.

Stefano Unterthiner, fotografo del National Geographic, autore di un Calendario Epson, racconterà cosa vuol dire lavorare su incarico della più prestigiosa rivista al mondo in ambito naturalistico; e Andrea Pistolesi, fotografo ed entusiasta sostenitore della stampa fine art digitale (è stato uno dei primi autori Digigraphie), porterà il pubblico oltre i confini, geografici e sociali, percorsi nella sua lunga carriera e già sintetizzati nel Calendario Epson 2017.