Sapresti connettere 600 Access Point?

1116

La tecnologia Wireless è semplice ed economica. Ma, per poterla sfruttare al meglio, è necessario disporre di strumenti di gestione che oggi sono proposti anche sotto forma di comuni app da scaricare sullo smartphone






E’ ormai impossibile trovare un’azienda, indipendentemente dalle sue dimensioni, priva di una rete Wireless. Il Wi-Fi, del resto, è in grado di offrire soluzioni paragonabili a quelle delle comuni reti cablate. Il tutto con il vantaggio di un’implementazione apparentemente semplice e rapida. In molti casi è, infatti, sufficiente collegare un Access Point a Internet, accenderlo e offrire connettività a tutte le persone presenti.

Ma è davvero tutto così semplice, sicuro e garantito?

La risposta è sicuramente positiva nel caso di piccoli uffici, con un numero limitato di utenti e senza particolari problematiche di copertura del segnale radio. Le nuove soluzioni, basate sullo standard 802.11 ac e la tecnologia Wave2, sono infatti in grado di offrire capacità come il Multi-User Mimo. Quest’ultimo, gestendo in automatico la connessione a diversi terminali radio, consente di ottimizzare la propagazione del segnale, aumentando così la quantità di banda garantita ad ogni singolo client. Questo è uno degli elementi che permettono al wireless di offrire un servizio di connettività sempre più stabile e performante, avvicinandosi alle caratteristiche che da sempre vengono apprezzate nelle reti cablate.

Se le esigenze crescono

L’insieme di queste caratteristiche rende oggi le reti Wi-Fi un’alternativa al cablaggio tradizionale, ma induce anche la necessità di affrontare correttamente una serie di problematiche di gestione e monitoraggio. La banda radio, infatti, è una risorsa necessariamente limitata, il cui utilizzo deve essere gestito e monitorato, soprattutto al crescere della complessità della rete stessa. Una gestione non sempre semplice e che, in alcuni casi, può vanificare parte dei vantaggi, soprattutto quando le risorse non vengono allocate correttamente ai singoli utenti. Una problematica che Netgear ha saputo superare con una gamma di strumenti sviluppata per affrontare, anche con limitate conoscenze, le problematiche di setup e gestione ordinaria di un impianto.

Un esempio concreto è costituito dall’Access Point WAC510, che offre alte prestazioni anche in presenza di un’elevata densità di client. Rappresenta quindi la soluzione ideale per le imprese che richiedono una copertura wireless uniforme e affidabile, ma abbinata alla semplicità di gestione anche per utenti in possesso di una limitata dimestichezza con le tematiche informatiche.

Per ottenere un simile risultato Netgear ha sviluppato un’app, caratterizzata da un’interfaccia particolarmente intuitiva, che può essere scaricata direttamente sul cellulare o sullo smartphone della persona incaricata di gestire la rete stessa. In questo modo è possibile realizzare il setup ottimale di una rete WI-Fi e, successivamente, gestirla agevolmente sia nelle attività quotidiane sia in caso di interventi straordinari. Un simile strumento, dotato di una serie di funzionalità automatiche, consente quindi di configurare, in pochi minuti e in modo ottimale, una rete wireless. Il tutto completato dalla possibilità di monitorare l’intera infrastruttura in tempo reale, individuando eventuali problematiche sia a livello di sicurezza che di allocazione di banda.

Accanto alla soluzione entry level, sviluppata per quanti possiedono una limitata esperienza o vogliono ottimizzare i tempi del proprio lavoro, gli ingegneri di Netgear hanno creato anche dispositivi molto più potenti che, abbinati a sistemi di gestione centralizzati, permettono di governare reti sino a 600 Access Point.

Una capacità al top dell’offerta commerciale attualmente disponibile sul mercato. Ma anche la dimostrazione di come la gamma professionale di Netgear sia oggi in grado di soddisfare qualunque esigenza d’implementazione di impianti Wi-Fi, sia per il piccolo ufficio che per la grande azienda.