K.F.I. rinnova il 30% dei sistemi di Voice Picking installati da più di 6 anni

1027

Ha affiancato le aziende che avevano scelto in precedenza il sistema Voice Picking guidandole all’adozione della nuova piattaforma e fornendo supporto e consulenza continuativi






Nel 2017 K.F.I. ha rinnovato più di 3.000 sistemi di voice picking di aziende che avevano installato queste piattaforme da più di 6 anni. Un risultato che testimonia come anche a livello aziendale si stia sempre più affermando la consapevolezza che un parco tecnologico aggiornato e performante al massimo crea un profitto tangibile per l’intero sistema.

In particolare per quanto riguarda il voice picking, è ormai assodato come questa tecnologia comporti un grande beneficio rispetto ai sistemi di picking tradizionali, sia in termini di aumento del ROI che di miglioramento delle prestazioni.

K.F.I., grazie alla competenza maturata nello sviluppo delle tecnologie Pick by Voice e in qualità di Workflow Solutions Specialist Honeywell, ha affiancato le aziende che avevano scelto in precedenza il sistema Voice Picking, guidandole nell’adozione della nuova piattaforma e fornendo supporto e consulenza continuativi. Anche in questa operazione K.F.I. persegue il proprio approccio progettuale, costituito appunto da sostegno continuo alle aziende clienti, condivisione degli aspetti problematici o migliorabili, fino alla definizione e all’implementazione della best solution.

L’operazione di sostituzione dei parchi aziendali si sinserisce nel Vocollect Trade in Program lanciato da Honeywell Vocollect Solutions nel 2016: nel corso dell’ultimo anno questa attività è entrata a pieno regime riscuotendo un notevole successo per quelle aziende che avevano già scelto di introdurre la tecnologia vocale.

Il trade in tecnologico è uno dei temi lanciato dal piano Industria 4.0 che offre notevoli possibilità per affrontare il cambiamento; grazie agli incentivi fiscali le aziende possono infatti sostenere il rinnovo del parco macchine, agevolabile con il super-ammortamento, ed effettuare un investimento “a maggior contenuto trasformativo”, agevolabile con l’iper-ammortamento.