Amatrice torna a “navigare” con HPE

1115

Inaugurato il servizio Wi-Fi Open realizzato con la collaborazione di Hewlett Packard Enterprise Italia






Tornare a vivere significa anche tornare a dare impulso all’economia, al turismo e alle attività di teleassistenza. Per questo Amatrice, il comune laziale colpito da un terremoto distruttuivo nel 2016, ha deciso di far riprende la “navigazione” ai suoi cittadini. Giovedì 20 luglio si è infatti inaugurato il nuovo servizio Wi-Fi Open, l’accesso ad Internet Pubblico realizzato da Hewlett Packard Enterprise in collaborazione con l’Amministrazione Comunale locale.

“I drammatici eventi che hanno colpito questi magnifici luoghi ci hanno subito spinto ad attivarci per sostenere le popolazioni coinvolte – ha commentato Stefano Venturi, Corporate Vice President e Amministratore Delegato, Hewlett Packard Enterprise Italia -. Superata la fase dell’emergenza, durante la quale ci siamo attivati con una raccolta straordinaria di sangue presso le nostre sedi e la donazione di 40 PC alla Protezione Civile, abbiamo voluto impegnarci per contribuire a una ricostruzione che guardi al futuro, a rimettere in moto il tessuto economico e sociale del territorio di Amatrice. Questo lo spirto alla base di «Destinazione Amatrice», progetto nato insieme all’Amministrazione Comunale e al Sindaco Sergio Pirozzi, per creare infrastrutture di networking e costruire quelle basi della connettività che sono indispensabili allo sviluppo dell’economia, del turismo e della teleassistenza. Vedere oggi, con l’Inaugurazione del servizio Wi-Fi Open, questo progetto prendere sostanza è per me e per Hewlett Packard Enterprise motivo di grande soddisfazione e stimolo a continuare a sostenere le persone che vivono in questi territori, affinché possano tornare al più presto a un’esistenza prospera e serena”.

Con questo spirito l’Amministrazione Comunale, il Sindaco Sergio Pirozzi e HPE hanno avviato il progetto «Destinazione Amatrice», volto a portare infrastrutture di networking in banda larga nelle zone colpite dal terremoto e a porre le basi della connettività, funzionali ed indispensabili allo sviluppo dell’economia, del turismo e della teleassistenza, offrendo la possibilità di navigazione agli utenti del Palazzetto e delle aree circostanti, incluse quelle dove sono presenti parte delle Soluzioni Abitative di Emergenza e degli Uffici Provvisori di Banche e Assicurazioni. Attraverso i fondi donati da HPE e dai propri dipendenti e grazie alle partnership avviate nell’ambito dell’iniziativa, sono state finanziate opere e infrastrutture.

Sergio Pirozzi, Sindaco di Amatrice, ha commentato l’iniziativa: "Voglio ringraziare HPE e l'amministratore delegato Stefano Venturi per aver donato alla mia comunità la rete Wi-Fi al Campo Zero, la prima area SAE consegnata agli amatriciani. Per un territorio privo ancora di edicole, offrire la possibilità di connettersi – e di connettersi in 4G – significa permettere di informarsi. E soprattutto, di informare. Un'esigenza ritenuta prioritaria da questa amministrazione comunale, che nemmeno un mese dopo il sisma lanciò apposta Radio Amatrice, la webradio divenuta megafono di tutte quelle iniziative intraprese dal Comune e dallo straordinario mondo della solidarietà per la rinascita di Amatrice e le sue 69 frazioni".