IoT: lanciata la prima serie di data logger multi connessione progettati per un mondo connesso

1004

E’ Hardwire Trigger di iMotion, una soluzione all-in-one già integrata con la piattaforma Hardwire Cloud per creare oggetti intelligenti in pochi minuti

iMotion, azienda che sviluppa soluzioni per l’Internet of Things, lancia la nuova serie di data logger Hardwire Trigger, già collegati alla piattaforma Hardwire Cloud, che creano soluzioni IoT senza dover progettare nuovo hardware o software.

Il dispositivo vanta una dotazione tecnica di altissimo livello sia in termini di connettività che di I/O: WiFi, Blutetooth, GSM e GPS, RS-485, ingressi analogici, ingressi digitali e uscite digitali.

Hardwire Cloud è disponibile in tre versioni:

BASIC, che comprende: WiFi e Bluetooth, I/O di acquisizione dati e bus di espansione RS-485

ADVANCED, che oltre alle soluzioni presenti nella versione BASIC comprende anche la connettività GSM

MOBILITY, che comprende:  WiFi e Bluetooth, I/O di acquisizione dati, GSM e GPS

Per tutte le versioni di Hardwire Trigger dotate di GSM, il servizio Cloud  include già il traffico della connettività verso la piattaforma,  grazie alla SIM card integrata nel dispositivo.

“Abbiamo scelto la migliore dotazione tecnica possibile per Hardwire Trigger: WiFi, Blutetooth Low Energy, GSM e GPS – spiega Federico Mosca, CEO di iMotion Software –. La versione del data logger con GSM comprende già la SIM integrata ed il costo della connettività è compreso nel canone Cloud. In questo modo l’utente non deve  rivolgersi agli operatori telefonici per aprire contratti o cercare la SIM. Scegliendo Hardwire Trigger non si acquista solo hardware, ma anche il servizio Cloud. Col data logger è compreso un anno di abbonamento PRO alla piattaforma, trascorso il quale  si passa ad un piano gratuito, oppure l’utente può scegliere di acquistare il piano PRO, senza vincoli di durata minima, costi di attivazione o penali per la disattivazione del servizio Cloud”.

Più la dotazione tecnica di Hardwire Trigger comprende:

– supporto WiFi nativo che può essere utilizzato per connettere la scheda alla piattaforma o per interfacciarsi a sensori e dispositivi locali

– tecnologia Bluetooth 4.2 Low Energy, supportata da tutte le versioni di Hardwire Trigger, che permette l’acquisizione di informazioni da sensori locali

– un modem 2G opzionale, che garantisce il corretto collegamento alla piattaforma anche in aree dove non è disponibile la connessione WiFi

– una periferica GPS opzionale per geolocalizzare in tempo reale la posizione del data logger in applicazioni in movimento

– una batteria tampone opzionale che permette al data logger di funzionare anche senza l'alimentazione esterna e di notificare alla piattaforma la mancanza di rete

– una serie di I/O analogici e digitali e il bus di espansione RS-485 con supporto Modbus che permette di acquisire informazioni da sensori ed altri dispositivi in loco