Misco Expo 2017: aumentare la consapevolezza delle imprese

1318

L’evento svoltosi a Milano è nato con lo scopo di avvicinare le aziende di qualunque dimensione alla digital transformation

Be digital. È questo il claim di Misco Expo 2017, svoltosi anche quest’anno presso gli East Stand Studios di Milano con la partecipazione di 32 vendor e numerose aziende clienti.

“Il nostro obiettivo è quello di avvicinare le imprese di qualunque dimensione, dalla più grande alla realtà più piccola, ai benefici garantiti dalla tecnologia. Numerosi studi dimostrano infatti la correlazione positiva tra investimenti in innovazione e risultati di business: chi abbraccia la digital trasformation sarà premiato, mentre chi mantiene invariata la propria strategia rischia di essere tagliato fuori dal mercato"  ha spiegato Claudio Casini, General Manager di Misco Italy.

La problematica maggiore, sottolinea Casini, è proprio quella di aumentare la consapevolezza delle imprese italiane sui vantaggi derivanti dall’utilizzo del cloud, big data, IoT e soluzioni hardware di ultima generazione che permettono alle imprese di essere più competitive, efficienti, veloci ed agili.

Ed è proprio per questa ragione che a Misco Expo, i visitatori e le aziende partecipanti, oltre che toccare con mano le diverse tecnologie dei vendor presenti, hanno potuto partecipare ad un fitto programma di workshop dedicati alla digital transformation: come affrontare le  nuove sfide con Microsoft 365, la sicurezza informatica secondo HP,  o individuare gli strumenti a supporto di una trasformazione digitale efficace. Ma anche capire come il digitale influenza le vendite B2B e come accelerare l’innovazione e rendere l’IT un vantaggio nel business aziendale (DELL EMC). Ampio spazio è stato lasciato anche alla tematica della mobilità che ormai sta trasformando il modo di vivere e lavorare delle persone.

Se avere una strategia e soluzioni digitali rappresenta ormai un imperativo, allo stesso tempo le imprese, una volta implementate le nuove tecnologie,  devono focalizzarsi sulla sicurezza.

La security non deve essere vista come un mero costo di business, ma un investimento per mantenere viva l’azienda e non rischiare di essere in balia del cybercrime i cui attacchi risultano sempre più efficaci e costosi per le imprese – ha aggiunto Claudio Casini -. Le aziende sono inoltre  chiamate ad adeguarsi al nuovo GDPR e scegliere soluzioni che non compromettano i vantaggi derivanti dallo smartworking e dal cloud”.

Di queste tematiche se ne è parlato presso il Misco Demo Centre dove sono stato effettate dimostrazioni pratiche su come rendere sicura l’infrastruttura aziendale, agendo su diversi livelli ed organizzando una protezione integrata e trasparente per l’utente.