Agli scanner Panasonic non servono USB o pc

828

La serie KV-S10Y per piccoli e medi uffici, così come per grandi contesti aziendali, offre tre modalità di scansione “push”

Panasonic ha presentato la sua nuova serie di scanner di rete KV-S10Y con la quale piccoli e medi uffici, così come banche e istituti finanziari, ambulatori medici e alberghi possono beneficiare di tre modalità di scansione “push”.
In questo modo è possibile utilizzarli con o senza l’ausilio di un dispositivo USB o di un pc ma è sufficiente regolare alcune funzioni prima della scansione per inviare automaticamente i file finali a un server FTP, a una cartella SMB condivisa o a una casella di posta elettronica.

Panasonic KV-S10Due i modelli inclusi nella serie: il KV-S1058Y esegue scansioni a 65 ppm/130 ipm, che diventano 45 ppm/90 ipm con il modello KV-S1028Y, mentre entrambi offrono una velocità più elevata di tutti i modelli Panasonic della stessa categoria attualmente in commercio, sia con documenti a 200/300 dpi che in bianco/nero o a colori.

Inoltre, gli scanner della serie KV-S10Y sono dotati di un alimentatore automatico di documenti (ADF) per la scansione fronte-retro di grandi volumi, mentre per ridurre al minimo le interruzioni, garantendo prestazioni di scansione ottimali, la nuova serie offre un rilevamento intelligente della doppia alimentazione. Questa funzionalità consente di memorizzare le posizioni e la lunghezza di etichette, voucher e foto, in modo da disattivare automaticamente il rilevamento della doppia alimentazione per qualsiasi documento con lo stesso formato.

Come riferito in una nota ufficiale da Shinta Muya, Panasonic Marketing Manager for Communication Solutions: «In termini di tecnologia gli scanner della nuova serie KV-S10Y rappresentano l’ultima generazione. La capacità di connettersi direttamente alla rete aziendale, garantendo il livello elevato di prestazioni che i clienti si attendono dalle soluzioni Panasonic, permette a questa serie di giocare un ruolo fondamentale nel passaggio al digitale all’interno di aree di lavoro e di operazioni quotidiane che, in azienda, si evolvono costantemente».