Firmato l’accordo quadro per programmi di investimento destinati alla ricerca e all’innovazione tecnologica

“Le aziende saranno sempre meno “bancabili”, i bilanci relativi all’anno scorso sono innegabilmente brutti e dunque bisogna compensare tale situazione con piani di investimento e progetti che guardino al futuro”. È con questo spirito, illustrato direttamente da Corrado Passera (consigliere delegato e ceo di Intesa Sanpaolo), che è stato firmato l’accordo quadro che destina alle imprese associate Assinform – e ai loro clienti – un plafond di un miliardo di euro per programmi di investimento da spendere per la ricerca e l’innovazione tecnologica. Tale accordo è stato sottoscritto dallo stesso Passera, da Paolo Angelucci (presidente Assinform) e da Carlo Stocchetti, direttore generale Mediocredito Italiano (Gruppo Intesa Sanpaolo). Il Mediocredito nello specifico metterà a disposizione un team di 30 professionisti (ingegneri specializzati per settore merceologico ed esperti di contabilità industriale che coinvolgeranno anche personaggi universitari) che affianchi all’analisi creditizia una valutazione di tipo tecnico-industriale delle richieste di importo superiore a 250mila euro. Il ruolo di Assinform sarà invece quello di standardizzare e rendere omogenee le presentazioni delle domande di finanziamento.

Cristina Mazzani