Le nuove appliance di Citrix sfruttano la potenza dei processori Intel Xeon 5680

NetScaler Mpx 17500, 19500 e 21500 permettono usufruire dei nuovi progressi tecnologici di Intel per scalare i datacenter virtuali.

Citrix Systems ha annunciato la disponibilità di tre nuove appliance NetScaler Mpx a prestazioni ultraelevate. Sfruttando appieno tutta la potenza dei nuovi processori Intel Xeon 5680 Series, unitamente all’ultima versione 9.2 del software NetScaler che integra la tecnologia Citrix nCore, i nuovi sistemi NetScaler Mpx 17500, 19500 e 21500 offrono un mix perfetto di scalabilità, funzionalità e performance.
Infatti, se da un lato il cloud computing fornisce livelli di flessibilità e agilità senza pari, dall’altro può introdurre una latenza nel traffico applicativo. Abbinando i sistemi NetScaler ai processori Intel Xeon 5680 Series, Citrix mette a disposizione una soluzione tanto solida quanto semplice, che estende l’elasticità del cloud all’interno dei datacenter. I nuovi modelli NetScaler Mpx fanno dei datacenter virtuali una realtà, fornendo al contempo accelerazione applicativa, gestione intelligente del traffico e sicurezza – tutti elementi erogati ai massimi livelli prestazionali richiesti nel front-end dei datacenter virtuali.
Le nuove appliance scalano da 20 a 35 e a 50 Gbps sulla medesima appliance fisica, senza bisogno di rinnovare il parco installato. Come accade per tutte le altre soluzioni NetScaler, queste nuove appliance supportano qualsiasi funzionalità NetScaler, inclusi load balancing locale e globale L4-7, caching dei contenuti, compressione dei dati, Vpn Ssl, offload dei server Web 2.0 e sicurezza firewall applicativa avanzata. Infine, i nuovi sistemi permettono di ottimizzare le performance tramite un semplice aggiornamento di licenza nell’ambito del programma “Pay-as-You-Grow” di Citrix. I clienti NetScaler possono rapidamente aumentare le performance fino a due volte e mezzo adattandosi all’incremento di traffico del loro datacenter.