L’efficienza energetica le ha permesso di avere l’importante certificazione per gli Ups 9PX e 9SX. L’azienda intende continuare il processo di qualificazione Energy Star per altri prodotti.

Gli Ups Eaton 9PX e 9SX disponibili in Emea hanno ottenuto la certificazione Energy Star dopo rigorosi controlli da parte di enti indipendenti e una verifica dei requisiti di efficienza energetica.

La certificazione garantisce che gli Ups Eaton rientrano nel 25 per cento dei gruppi di continuità più efficienti presenti attualmente sul mercato e permettono di ridurre sensibilmente il consumo di energia elettrica e le emissioni di CO2.

Ridurre il consumo energetico senza sacrificare l’affidabilità negli ambienti server, storage e di rete, è una delle principali sfide che i professionisti IT e i manager dei data center devono affrontare ed Eaton, impegnata da sempre e in tutto il mondo a sviluppare soluzioni a efficienza energetica, è in grado di offrire ai clienti il massimo valore commerciale possibile, con la certificazione Energy Star.

I nuovi Ups 9PX e 9SX, anticipano la generazione futura dei gruppi di continuità a basso consumo energetico, da 5 a 11 kVA per gli ambienti virtualizzati.

Con una percentuale di efficienza fino al 95 per cento nella modalità a doppia conversione online e fino al 98 per cento in modalità a elevata efficienza e con un fattore di potenza 0.9, le unità 9PX sono in grado di fornire il 28 per cento di potenza in più rispetto agli Ups della loro categoria. Di conseguenza sono particolarmente indicati per i responsabili IT e i facility manager che devono proteggere le loro apparecchiature in computer room e piccoli data center, così come in applicazioni industriali, produttive e mediche.

 

Silvia Viganò