Il nuovo Fujitsu PRIMEFLEX Integrated System aggiunge l’integrazione nativa di SUSE OpenStack Cloud rendendo possibile il deployment rapido e senza rischi di infrastrutture cloud private

Fujitsu-logo

Fujitsu amplia la gamma di sistemi integrati PRIMEFLEX, progettata per offrire alle aziende le basi per futuri investimenti nel cloud computing basato su open source. Combinando affidabilità e prestazioni di livello enterprise con i notevoli vantaggi economici della piattaforma di gestione SUSE OpenStack Cloud, offre alle aziende un percorso lineare per la migrazione dei sistemi on-premise verso il cloud.

La soluzione è il primo frutto dell’alleanza strategica tra Fujitsu e SUSE annunciata nel novembre dello scorso anno. Questa alleanza ruota intorno all’ulteriore sviluppo di soluzioni cloud, supporto mission-critical e future tecnologie container. Sviluppata congiuntamente da Fujitsu e SUSE, la nuova edizione di PRIMEFLEX for OpenStack permette alle aziende di estendere più rapidamente gli ambienti on-premise verso il cloud, sfruttando quindi i vantaggi della flessibilità e dei risparmi tipici del cloud computing. Con Fujitsu e SUSE la scelta di passare ad un ambiente Openstack si fa più sicura che mai, infatti il nuovo sistema PRIMEFLEX è progettato per eliminare complessità e incertezze tipiche della fase di deployment nel passaggio ad ambienti Open. La tranquillità è assicurata dall’impiego di un’architettura di riferimento comune. Le aziende possono essere quindi certe che il sistema potrà essere utilizzato fin da subito.

PRIMEFLEX for OpenStack è progettato per i clienti che intendono valutare e quindi implementare un ambiente OpenStack on-premise in modo sicuro, rapido e semplice come primo passo in direzione del cloud. La SUSE edition è l’ultima soluzione specializzata in ordine di tempo ad aggiungersi alla gamma PRIMEFLEX Integrated Systems comprendente una serie di sistemi e architetture di riferimento di immediato utilizzo.

Joerg Hartmann, Vice President e Head of Category Management di Fujitsu EMEIA, ha dichiarato: “OpenStack rappresenta ora lo standard di fatto per le infrastrutture cloud indipendentemente dal tipo di workload e offre risparmi significativi rispetto ai sistemi proprietari. Tuttavia il deployment di un ambiente OpenStack ha richiesto fino ad oggi notevoli competenze e un approccio fai-da-te che può rivelarsi suscettibile di errori, costoso e impegnativo in termini di tempo. Stiamo combinando il meglio di tutto con un sistema integrato preconfigurato e precollaudato per infrastrutture cloud OpenStack on-premise. Le architetture di riferimento convalidate offrono ai clienti la tranquillità di un’interoperabilità OpenStack garantita. Il design PRIMEFLEX permette inoltre ai clienti di iniziare in piccolo e scalare quindi i sistemi on demand seguendo un piano di crescita sicuro e comprovato, assicurandosi di essere pronti a sfruttare ulteriormente i vantaggi dei servizi cloud privati e pubblici”.