DreamWorks sceglie NetApp per gestire i suoi dati

NetApp Data Fabric e gli analytics predittivi potenzieranno l’accesso real time degli artisti di DreamWorks a set di dati di grandi dimensioni

Se ne è già parlato al NetApp Insight 2018, che sarà di nuovo in scena a Barcellona a inizio dicembre, ma intanto la partnership tra DreamWorks e NetApp è già sulla bocca di tutti e fornisce un altro valido esempio della bontà dell’approccio Data Fabric messo a punto da NetApp per abilitare funzionalità espanse e consentire la crescita futura della società di Glendale, leader nel settore dell’intrattenimento per tutta la famiglia.

Nel quadro della partnership, gli ingegneri di NetApp hanno lavorato a stretto contatto con il team IT di DreamWorks per ottimizzare il Data Fabric e soddisfare le esigenze distintive di archiviazione e gestione dei dati in rapida espansione dello studio. La grafica incredibilmente dettagliata e coinvolgente creata dagli artisti della DreamWorks rappresenta, infatti, enormi volumi di dati e aggiunge la sfida della complessità all’ambiente IT di Dreamworks.

Anche da questo punto di vista, la partnership tra NetApp e DreamWorks rappresenta un approccio innovativo a questa sfida, dedicandosi agli analytics predittivi e ad altre nuove funzionalità per potenziare l’accesso real-time a set di dati di grandi dimensioni. L’approccio semplifica inoltre l’integrazione e l’orchestrazione globale dei dati su un’infrastruttura IT ibrida.

Come evidenziato in una nota ufficiale da Kate Swanborg, senior vice president del reparto Technology Communications and Strategic Alliances presso DreamWorks: «DreamWorks si affida a NetApp per fornire i servizi dati su cui i nostri registi potranno contare per proseguire sulla strada dell’innovazione, mentre liberano la propria creatività e sognano nuove realtà».

Lo sapevate che?
Dreamworks è un'azienda digitale in rapida espansione e la quantità di dati a cui i suoi team devono avere un accesso immediato e globale è sbalorditiva. Un film d’animazione medio richiede centinaia di artisti e ingegneri, oltre 600 terabyte di dati, più di 100 milioni di ore di calcolo e mezzo miliardo di file digitali. Inoltre, man mano che lo studio accresce il proprio business e trasferisce le proprie risorse digitali di livello mondiale su nuovi canali, i suoi requisiti in materia di dati continuano a espandersi esponenzialmente.

La conferma arriva da Jeff Wike, Chief Technology Officer di DreamWorks, secondo cui: «I registi, i narratori e gli artisti di livello mondiale di DreamWorks sono tutti concentrati sulla creazione di esperienze di altissima qualità, come il prossimo film della casa cinematografica, Dragon Trainer – Il mondo nascosto, in cui sono rappresentati contemporaneamente oltre 60.000 draghi distinti. Anche se siamo tradizionalmente specializzati in film d’animazione e serie televisive, i nostri creatori sviluppano sempre più contenuti per parchi a tema, intrattenimento dal vivo e piattaforme emergenti come AR e VR. Questa trasformazione basata sui dati richiede una maggiore efficienza nella condivisione dei flussi di lavoro su più piattaforme e la conservazione delle risorse per future estensioni dei contenuti».

Mentre DreamWorks e NetApp continuano a collaborare su soluzioni che NetApp presenterà più ampiamente ai propri clienti in futuro, i team lavorano per trovare modi innovativi di:

•       Migliorare i flussi di lavoro in fase di produzione. Ottimizzare e sfruttare un’ampia quantità di dati per la creazione di contenuti su più produzioni simultanee.

•       Massimizzare lo sviluppo creativo. Garantire la disponibilità on-demand dei dati di produzione per le attività di creazione, iterazione e revisione degli artisti.

•       Semplificare le operazioni. Semplificare e automatizzare le architetture delle infrastrutture per massimizzare l'uptime di produzione.