Antares Vision aumenta la sicurezza dei pazienti

Con il progetto Smart Ward Platform erogherà servizi innovativi ad alta tecnologia incentrati sul benessere in corsia

Si chiama Smart Ward Platform il progetto annunciato da Antares Vision, multinazionale italiana specializzata in sistemi per l’ispezione visiva, soluzioni di tracciatura e gestione intelligente dei dati prossima a quotarsi alla Borsa di Milano.

La società ha annunciato, infatti, una piattaforma intelligente pronta a rivoluzionare molti aspetti organizzativi nei reparti ospedalieri grazie all’erogazione di servizi innovativi ad alta tecnologia incentrati sul benessere dei pazienti.

Il progetto SWP, nell’ambito del quale Antares Vision avvierà anche una collaborazione con l’IRCCS Ospedale San Raffaele per le fasi di sviluppo, prototipazione e test, si avvale delle risorse stanziate con D.M. 18 ottobre 2017 dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) per interventi agevolativi “Agenda Digitale” e sarà realizzato in una fase di sperimentazione di tre anni che scadrà a gennaio 2022.

Conclusasi positivamente la fase di istruttoria e di negoziazione della proposta progettuale, è in fase avanzata l’emissione del decreto di concessione da parte del MISE, con il quale saranno riconosciute agevolazioni stimate in 9 milioni di euro a fronte di costi ammissibili di progetto ipotizzati in 11,4 milioni di euro.

Meno errori per pazienti più sicuri
Dal canto suo Antares Vision potrà mettere a disposizione delle strutture ospedaliere il suo know-how tecnologico in materia di tracciabilità del prodotto farmaceutico dall’origine fino al paziente. Questa innovazione, attraverso le nuove tecnologie, rappresenta una svolta sia per ridurre le possibilità di errore e aumentare la sicurezza dei pazienti, sia per una gestione ottimizzata dei processi.

Nello specifico, la piattaforma SWP si prefissa obiettivi di grande impatto, tra cui:

  • la riduzione di errori nella somministrazione dei farmaci;
  • annullare lo spreco di farmaci determinato dal mancato controllo della data di scadenza;
  • realizzare l’acquisizione digitale di tutti i parametri fisiologici del paziente;
  • generare una serie di ulteriori dati necessari alla valutazione del comportamento del paziente durante la terapia;
  • aggregare e analizzare i dati associati a un paziente con la tecnologia IOT;
  • controllare l’operatività del reparto e tracciarne ogni attività.

Il progetto prevede, inoltre, l’innovazione di cinque strumenti chiave già presenti nei reparti ospedalieri:

  1. l’armadio-farmacia intelligente;
  2. il carrello intelligente;
  3. il comodino intelligente;
  4. il lettino intelligente;
  5. il braccialetto intelligente.

Attraverso la tecnologia IoT tutti gli strumenti citati potranno aggregare i dati associati alla persona e di conseguenza avere una storia “tracciata” di tutte le attività svolte dal reparto sul paziente.

Il progetto presentato da Antares Vision ha riscontrato l’interesse anche dell’Istituto ospedaliero Fondazione Poliambulanza di Brescia, che si è già resa disponibile a collaborare attivamente per lo sviluppo della piattaforma, e potrebbe presto prevedere il coinvolgimento diretto di alcune case farmaceutiche.