Data backup so che ci sei ma non ti eseguo

Lo dice un’indagine di Kingston Technology secondo cui temiamo di perdere i dati salvati, ma non li proteggiamo abbastanza

Ogni minuto, nel mondo, 113 telefoni cellulari vengono persi o rubati, per un totale di oltre 162.000 unità al giorno di device in cui è stipata buona parte dei ricordi della nostra vita.

Eppure sono ancora numerosi gli utenti che non sanno cosa sia e come si esegua un backup dei dati per ripristinare informazioni e ricordi in caso di furto o di smarrimento dei nostri device personali.

Torna a ricordarlo a pochi giorni dal World Backup Day anche Kingston Technology Europe, che ha condotto un sondaggio per capire come ci comportiamo in fatto di back up e cosa significherebbe per noi la perdita di dati.

Stando ai risultati, nonostante l’84% degli intervistati dichiari di aver perso i propri dati almeno una volta nella vita, il 55% di loro afferma di effettuare il backup dei propri dispositivi solo quando capita, mentre un disattento 13% non sa nemmeno di che cosa si stia parlando. Per fortuna, si salva un giudizioso 18% che dichiara di eseguire il backup almeno una volta al mese.

Percentuali curiose se consideriamo che il 47% dei rispondenti è unanime nell’affermare che all’interno dei propri device è custodito praticamente tutto della propria vita: ricordi, agenda, contatti, password, dati sensibili e molto altro ancora. Ciò detto, solo il 27% dichiara di aver salvato molto di quello che conta. Un irrilevante 2% sostiene di non avere informazioni importanti salvate sui dispositivi che utilizzano quotidianamente.

Non solo, il 39% dichiara che perdere i dati contenuti nei dispositivi mobili sarebbe “la fine del mondo”, mentre il 35% riconosce nel misfatto un problema, ma comunque risolvibile, dopo il disagio iniziale. C’è poi anche un 25% che se si dovesse svegliare la mattina e scoprire che i propri device sono completamente vuoti, andrebbe totalmente nel panico.

Ma quali sono i dati che dispiacerebbe maggiormente perdere? Fotografie e video si posizionano al primo posto (61%), seguiti da password e accessi ai vari siti e account (17%), documenti vari (14%) e contatti della rubrica (8%).

Quali sono gli ostacoli a un corretto backup
Dall’indagine emerge che c’è ancora poca confidenza con le operazioni di backup: il 41% si affida al proprio intuito, il 25% prova a portare a termine l’operazione, ma non garantisce il risultato, e il 19% non saprebbe nemmeno da dove iniziare. Solo il 15% eseguirebbe un backup a occhi chiusi.

Non solo, dal sondaggio emerge che episodi in realtà frequenti come attacchi hacker, smarrimento e manomissione di dispositivi, vengono percepiti come poco probabili. Le cause di perdite dati più verosimili vengono invece attribuite a fattori quali furto e malfunzionamento dell’hardware.

Come riferito in una nota ufficiale da Stefania Prando, Business Development Manager di Kingston Italia: «Gran parte dei nostri dati sono ormai digitali, e sempre più spesso ci affidiamo alla tecnologa per svolgere operazioni di vita quotidiana. Non dobbiamo però sottovalutare il verificarsi di episodi spiacevoli come furti, attacchi hacker, malfunzionamenti hardware o cancellazione più o meno accidentali dei dati stessi. Per queste ragioni è fondamentale mettere i propri dati al sicuro, eseguendo con regolarità il backup dei dispositivi».