La digitalizzazione della comunicazione online

Gruppo Masserdotti trasforma gli store in media mutevoli e parlanti

Il punto vendita è in cerca di nuovi significati in ottica relazionale. I retailer stanno comprendendo sempre di più l’importanza della tecnologia, implementando sistemi quali intelligence analytics e digital signage.

“L’adozione di nuove tecnologie è funzionale all’evoluzione dello store che diventa media di comunicazione – afferma Alberto Masserdotti, CEO dell’omonimo Gruppo -. I sistemi digitali nel retail influenzano il modo in cui gli utenti interagiscono con i brand offline, trasformando i negozi fisici in touch point con un ruolo fondamentale nella customer journey”.

Punto di riferimento nel panorama della visualcom, oggi tra gli acceleratori della Digital Transformation con il brand Dominodisplay specializzato in soluzioni Digital Signage, Mobility e IoT, il Gruppo Masserdotti affronta un nuovo capitolo della cinquantennale storia aziendale, presentandosi con una nuova brand identity che esplicita il nuovo posizionamento e la costante evoluzione dell’offerta e delle aree di intervento.

Da qui il payoff “Image evolution” che mantiene l’heritage del “lavoro sull’immagine” abbinando la parola evolution per sottolineare il cambiamento in atto nel mondo del retail.

“Grazie ai continui investimenti in R&D e al reparto produttivo contemporaneo che porta in seno il concetto di Industry 4.0, operiamo in qualità di partner tecnologico industriale per progetti di visual communication con un forte focus sull’evoluzione del Retail da negozio a Media”, aggiunge Masserdotti.

Gli store devono ricevere i consumatori in spazi accoglienti e flessibili che grazie alla tecnologia diventano mutevoli e parlanti. Alla digital decoration, che permette di vestire gli spazi senza costosi interventi di muratura, Masserdotti associa la versatilità dei sistemi multimediali con molteplici funzioni quali offrire una scoperta multisensoriale del prodotto, personalizzare il percorso di acquisto, favorire l’accesso alle informazioni.

“Il consumatore è al centro e vive esperienze sempre più immersive e fluide, a contatto con la marca. La tecnologia in-store potenzia l’attività di branding, migliora la customer satisfaction e favorisce l’engagement”, spiega Davide Turatti, nuovo Direttore Marketing del Gruppo Masserdotti, ingaggiato per dar vita a un reparto interno dedicato allo sviluppo di strategie evolute con un forte orientamento al web.

Tra le prime attività il progetto di rebranding in tutte le sue declinazioni realizzato in collaborazione con un pool di agenzie accuratamente selezionate da Turatti. Il rebranding parte dal nuovo logo che intende rappresentare il modello aziendale che nasce dalla fusione di tre verticali del business.

Il nuovo segno grafico, contraddistinto da tre pilastri di tre diverse tonalità di blu, rappresenta infatti le tre aree del Gruppo ed è stato progettato già in ottica evolutiva per accogliere iconograficamente l’espansione aziendale.

“Un processo di crescita particolarmente sfidante sul quale i numeri di questi anni ci stanno dando ragione – commenta Alberto Masserdotti. Abbiamo chiuso il 2018 con un fatturato di 9,6M di euro, mettendo a segno una crescita dell’80% sugli gli ultimi quattro bilanci”. Un incremento basato sul forte orientamento all’innovazione, che prevede già nuovi step. Imminente il lancio della nuova divisione che punta al Textile Printing con l’implementazione di esclusive tecnologie industriali.

Investimenti orientati ad ampliare l’offerta con prodotti che rispondono anche all’esigenza della sostenibilità ambientale, puntando sull’utilizzo del tessuto che grazie alla totale riciclabilità garantisce un percorso di economia circolare. Un’evoluzione che guarda anche oltreconfine, con lo sviluppo di progetti su scala internazionale.

“La capacità di operare anche all’estero ci ha permesso di aggiudicarci commesse prestigiose con la declinazione di progetti in-store per catene con diffusione worldwide. Progetti che in ambito di digital signage sviluppiamo attraverso la Business Unit Dominodisplay Enterprise Solutions, che gestisce clienti come la griffe Liu Jo con 12 monomarca in Europa e Canali con 40 installazioni digital signage coordinate dal nostro software Palinsesto in store nel mondo, da Milano a Hong Kong – racconta Masserdotti -. A questa esperienza offline si aggiunge anche il nostro sbarco sul mercato francese con un e-shop dedicato www.dominodisplay.fr che, come l’e-commerce italiano, offre soluzioni Digital Signage, Mobility e IoT customizzabili in partnership con Samsung”.

I servizi sono il terzo pilastro e trasversalmente completano l’offerta del Gruppo Masserdotti e di Dominodisplay spaziando da Palinsesto, software proprietario per il Digital Signage, alle attività di Content Creation & Content Management, dal Project Management alla Customizzazione dei device. Un servizio che prevede la progettazione di sistemi con design esclusivo come i 479 totem installati nei ristoranti Ikea.